La Scabbia nel momento peggiore…

Eccoli i Giardini a fare ciò che ormai più riesce meglio… Divorare pizze e tracannare birrozzi… Questa la tavolata di ieri sera presso la Pizzeria Cento Canti, impreziosita dalla presenza dell’ex-capitano viola Manuel Pasqual nel tavolo vicino… Un modo per cercare di cancellare quanto accaduto in campo poco prima. Eppure, proprio nel momento peggiore della stagione dei nostri, dopo due orribili prestazioni a 7 e a 5, arriva lo squadrone degli squadroni. I Giardini di via Locchi torneranno in campo infatti martedi 27 febbraio ore 20.30 alla Floria, sul nuovissimo sintetico del viale Malta, per affrontare la sesta giornata del girone di ritorno, contro la capolista indiscussa della competizione, il famigerato Hellas Cabbia. Ancora memori di come ci asfaltarono all’andata, avremmo decisamente preferito un avversario più consono al momento. Quella contro di loro fu comunque una gara incredibile per gli uomini di mister Dovellini, un’esperienza che vale la pena vivere. Cori, fumogeni, decine di tifosi presenti al loro seguito in un’atmosfera surreale, senza precedenti per campionati come questi. Ma oltre il colore ed il folklore di questa Lebowski del calcio a 7, bisogna riconoscere la loro forza inaudita. Trattasi di squadra organizzatissima, allenata da un mister super serio, fautore di schemi, tattiche… Per noi totalmente ingiocabili, soprattutto a causa della presenza di un centrocampista dai capelli lunghi, con sicuri trascorsi professionistici. Ma il campionato è questo, ci sono anche loro e faremo di tutto per onorare l’impegno a testa alta, come quasi sempre fatto in questo torneo dal nostro comparto a 7. I Giardini per l’occasione dovranno fare a meno probabilmente di Ciolli e Laddomada (pure di Antonelli che sarebbe comunque stato in turn-over), ancora alle prese con concomitanti impegni di calcio a 11 a causa della Fiorentina posticipata al lunedi. Mancheranno poi gli infortunati Frulli e Fiacchi, oltre al convalescente Pieri… Ancora un’ecatombe insomma, alla quale si aggiungono le sicure indisponibilità di Lamioni e di Massy Zatteri, che il giorno dopo ha un turno infrasettimanale di campionato, delicatissimo, a Montecatini… Uno scontro diretto per la salvezza, che al momento tiene in dubbio anche i suoi compagni di squadra Essaouri e Tommy Matera. Saranno invece sicuramente confermati i vari Bottai, Gallo, Kuka, Sinameta (190esima in GVL), Patron Zatteri e Valiani, che all’andata contro la Cabbia, fu in assoluto il migliore in campo. Rientreranno poi Fantini, non sappiamo ancora se come portiere o come punta (dipende da presenza Tommy Matera ovviamente) e Frosini, che darà man forte al comparto a 7 come già capitato. Solo 8 i disponibili al momento insomma, ma DS Zatteri farà di tutto per portare come sempre il numero dei presenti a 9 o a 10… Chiudiamo con due eventi importanti da ricordare al nostro popolo… Domenica 25 è il compleanno del nostro grande Steo, un po’ desaparecidos da quando padre, ma sempre al centro dei nostri pensieri. Auguroni ragazzone!! Lo stesso giorno, alle 10.30 del mattino, per gli amanti del calcio giovanile, la nostra cantera ufficiale, gli allievi regionali del Castello, appena riemersi dalla zona retrocessione, ospiteranno al Pontormo una delle migliori squadre del torneo, la Fortis Juventus!! Accorrete numerosi a tifare per i giovani bianco-verdi…

Auguri Alice!! In campo imbarazzanti…

Di questo agghiacciante 22 febbraio ricorderemo con piacere soltanto il compleanno di questa meravigliosa creatura di casa Lamioni, alla quale rinnoviamo gli auguri del nostro popolo… Per il resto purtroppo, ricorderemo una figura di cacca difficile da dimenticare. Il nostro comparto a 5, dal passato prestigioso e valoroso, sta vivendo uno dei momenti più bui della sua storia recente. Ieri sera, contro i ragazzi del SanPolo, terzultimi in classifica alla vigilia del match, non solo becca un umiliante 4-1, non solo deve ritenersi fortunato per quanto visto in campo perché gli avversari meriterebbero vittoria ben più ampia, quel che più preoccupa è come siamo scesi in campo, come abbiamo giocato, anzi non giocato. Non è funzionato nulla e non ci sono alibi, a differenza di quanto ventilato durante e soprattutto dopo il match. In un Easy League (perché di questo si tratta), che non è un campionato regular pieno di campioncini, come quello che stiamo affrontando a 7, non esiste affrontare le gare così. In virtù dell’esplosività atletica dei rivali di turno (di fatto hanno solo quella, oltre ad un ottimo centrale difensivo, e all’andata infatti abbiamo vinto) bisognava impostare la gara in modo totalmente diverso, chiusi dietro, a maglie strette, in attesa sorniona, alla Rifredi 78 maniera, ma anche alla Giardini maniera fino a qualche tempo fa… Vero che è facile col sennò di poi… Invece li abbiamo pressati (male), aggrediti con passaggi sanguinosi per vie centrali che non passavano mai, sbagliando ogni appoggio, ogni controllo palla, ogni scelta. Un disastro. Se si aggiunge la perdita del Chino Pellegrini per infortunio nel corso del primo tempo, uno che anche quando le cose non girano sposta l’ago della bilancia con prodezze balistiche, si comprende l’entità del nulla sportivo emerso. L’unico altro Gvl al momento in grado di trovare la giocata decisiva, il guizzo vincente, anche in serate così storte, l’onnipresente eroico Sinameta, autore degli unici guizzi offensivi dei nostri, si fa sopraffare dal nervosismo, colleziona falli su falli, molti plateali, fino a rimediare un rosso per doppia ammonizione. Notte fonda insomma. Il capitano solitamente impeccabile Maschio, certo non aiutato dal nulla collettivo, vive una serata nera come non gli accadeva da secoli. Da un suo appoggio errato, quasi in orizzontale, nasce il punto del vantaggio rivale. I Giardini hanno anche la fortuna di pervenire al pareggio con una punizione di Frosini. Fallo guadagnato dal Patron Zatteri, che, con un’incursione davanti al portiere, beffa il difensore rivale la cui deviazione nella propria porta è decisiva. Ma gli avversari tornano subito in vantaggio approfittando ancora una volta di un’indecisione del capitano. Ma è tutta la squadra a non girare e l’infortunio di Pellegrini (noie muscolari pare), certo non aiuta. Le uniche occasioni arrivano dall’ sventole da fuori di Sinameta, una delle quali si stampa contro il palo, mentre un’altra sfila a lato per millimetri. Anche il SanPolo però conta un legno in questa fase (traversa) e soprattutto, senza un paio di miracoli di Manetti allo scadere della frazione, il passivo sarebbe già irrecuperabile. Si va invece al riposo sul 2-1 ignari che nella ripresa, forse anche a causa di vistoso nervosismo collettivo latente, la pochezza del primo tempo si sarebbe trasformata in nulla cosmico. I Giardini non arrivano a tirare praticamente mai in porta, gli avversari li prendono a pallate, li asfaltano, bruciano loro sempre il terreno sotto ai piedi. Le occasioni sono tutte di marca SanPolo e sono molte di più dei soli altri due goal fatti, ma San Manetti è bravo a falsare il più possibile il risultato finale. In cronaca anche il rosso sopracitato a Sinameta, che lo costringerà ad un turno di squalifica. Finisce 4-1, e le teorie sulla crisi improvvisa del nostro comparto storico si sprecano. Unica cosa sulla quale tutti concordano è che senza un minimo allenamento, anche in una bassa Easy League come questa, rischiamo di non essere più presentabili. Ora la classifica è inguardabile, ma conosciamo le nostre qualità, non molliamo e proviamo a raddrizzarla. La stagione è lunga, anche non dovesse essere Top League a fine campionato (ad inizio anno nessuno lo avrebbe detto…), ci sarebbe comunque una Golden League (Easy!!!) da onorare con una rosa che dovrebbe essere ampiamente all’altezza.

Col S.Polo, riecco l’incontenibile

Torna l’incontenibile e con lui molti personaggi mitologici del nostro storico comparto a 5, impegnato domani, giovedì 22, ore 21.15, alla Sales, contro il SanPolo C5, con scontata pizzata ai 100Canti a seguire. Ci affidiamo a loro per ridestare un po’ il morale dopo la brutta sconfitta patita a 7 dai nostri, speranzosi che arrivino i tre punti e che la classifica a 5 assuma i connotati un po’ più goderecci che il valore del nostro gruppo merita. Domani mancheranno all’appello gli infortunati Mataj, Lamioni (che fu devastante all’andata) e Bandini, oltre all’indisponibile Matteo Matera. Rientrerà però dalla squalifica Patron Zatteri e con lui ci saranno i confermatissimi capitan Maschio, Sinameta (2 reti al SanPolo nel match d’andata), l’incontenibile Frosini, Sborgi, Pellegrini alla 180esima presenza in Gvl e Manetti, che giocherà addirittura la sua 740esima. Completa la lista dei convocati di mister Valians, il relativamente giovane Bottai, chiamato con Zatteri Senior e Sinameta al doppio turno settimanale. Grazie ragazzi!! Del San Polo ricordiamo un paio di ottimi giocatori, ma all’interno di un collettivo davvero di poca esperienza nel calcetto, non aiutato da un portiere che si dimostrò poco agile nel match d’andata, unico storico precedente coi Giardini, che vide il trionfo dei nostri. Ricordiamo comunque il loro ottimo strappo nello stretto, che il nostro Patron fondatore ricorda molto bene, data la figuruccia che fece all’andata. Chiudiamo l’articolo di presentazione al match con una graditissima ricorrenza. Proprio domani, nel giorno della quinta giornata del girone di ritorno Easy League, la seconda nata di casa Lamioni, Alice, compie 5 anni. Auguroni di cuore alla pupa da parte di tutto il popolo dei Giardini.

L’irlandese non basta… ma c’è un Kukino nel futuro

Non basta il rientro dall’Irlanda del giovane Zatteri per evitare ai Giardini una delle peggiori prestazioni a 7 della stagione. Troppo squadra la Garra Charrua rispetto al nostro roster di ieri sera, che, se prendiamo i singoli uno ad uno, è sicuramente superiore al loro, ma non nella conoscenza della materia, nella compattezza, nella tattica, nell”esser più squadra appunto. Ad aumentare le difficoltà dei nostri anche l’orario del match in notturna, che davvero noi mal digeriamo, le condizioni non eccellenti di alcuni (anche dello stesso Massy Zatteri) e la serie incrediibile di indisponibili che di volta in volta finisce per snaturare un po’ l’assetto e limitare l’amalgama. Nessun dramma però, un passo falso ci sta eccome dopo le recenti ottime prestazioni, anzi obbligatorio trarre esperienza anche da questi passaggi a vuoto. I Giardini si presentano a Bellariva senza i giocatori a 11 Cioli, Laddomada e Antonelli, senza gli infortunati Fiacchi, Lamioni e Frulli, ai quali, il giorno stesso della disputa, si aggiungono l’influenzato Matteo Matera e Pippo Pieri, colpito ad un paio d’ore dal match, da un forte attacco di sinusite… Un’ecatombe insomma che si aggiunge al fatto che Zatteri Junior e Essaouri (eroici come Tommy Matera anche solo per esser giunti al campo in quell’orario…) vengono da un allenamento pazzesco spacca-gambe con gli allievi regionali… Massy Zatteri, penalizzato anche da una forte tosse… In queste condizioni un po’ precarie, sarà un caso, ma i Giardini approcciano molto male al match e nel primo tempo di fatto non giocano. Difficile capire dove finiscono i demeriti dei nostri ed iniziano i meriti dei rivali, fatto sta che la manovra dal basso parte solo con sterili lanci lunghi a causa dell’asfissiante pressing rivale. Lo Zatterino in mezzo, ben controllato e mazziato da continui falli (beninteso non cattivi), viene comunque spesso ignorato e scavalcato dai suoi compagni. Nonostante la penuria di gioco i Giardini riescono comunque a passare in vantaggio con un goal un po’ fortuito di Sinameta. Il tiro del numero 63 sembra premiare l’incursione di Essaouri, che in realtà non tocca il pallone, ma inganna il difensore rivale che con un tocco maldestro beffa il proprio portiere. La Garra ne ha comunque ben di più e sfiora più volte il pareggio. Clamorose soprattutto le due occasioni salvate sulla linea da Essaouri di testa e da un prodigioso intervento di Tommy Matera. È qui che si accende lo Zatterino, si mette in proprio, penetra in area, ignora purtroppo il padre solissimo al centro (divertente la gag col difensore rivale… “Tuo figlio è egoista col babbo…”), ma fa partire un gran destro che incoccia l’interno della traversa e rimbalza sul terreno. Il ragazzo giura che il pallone ha sorpassato la linea, ma non per l’arbitro, il cui orologio evidentemente non ha vibrato… Sarebbe stato il 2-0, sicuramente immeritato, ma chissà … avrebbe certo portato ad un’altra storia. Nei minuti finali di frazione, nel giro di 60 secondi, i Giardini subiscono 1-1 e 1-2. Il primo davvero evitabile, frutto di una manovra difensiva coralmente errata… Il secondo frutto della sfortuna (l’assist è davvero casuale), ma anche del nervosismo tra i nostri, strascico del primo goal. Dopo una pausa in cui capitan Zatteri e mister faticano a tenere calmi gli animo, Dovellini entra in partita ad inizio ripresa con un grande guizzo… Bottai, nullo fin qua in avanti e un po’ caotico in fascia, viene abbassato in difesa in coppia con Kuka. Improvvisamente spariscono i lanci lunghi, il numero 54 si distingue nella ripartenza dal basso e soprattutto si dimostra lesto e puntuale negli interventi difensivibcontro i rapidissimi avversari. I Giardini prendono coraggio e finalmente, dopo 50 minuti, iniziano a giocare. Le occasioni per il 2-2 non mancano ed è davvero clamorosa quella di Massy Zatteri, quando entra in area da sinistra e fa partire un collo pieno notevole, che sfila sul fondo sfiorando il palo più lontano… Il pareggio però non arriva, nonostante un quarto d’ora di assedio GVL e, quando con la squadra sbilanciata in avanti l’arbitro non concede un fallo evidente al limite dell’area a Massy Zatteri, la Garra Charrua vola in contropiede e si porta sull1-3. Dovellini chiama il time-out, ma ormai lo scorno è totale. Nel finale un esausto e stavolta non eccezionale Kuka, concede anche il quarto goal alla Garra e i nostri rientrano nello spogliatoio a testa bassa… Ma lo ripetiamo, nessun dramma, prepariamoci anzi al tour de force contro le migliori del torneo, che ci attendono nei prossimi turni e, al momento, consoliamoci con gli acquisti che sta imbastendo il nostro DS Zatteri per il finale di stagione (si parla addirittura del campioncino del Doccia Fognani) e per la prossima annata sportiva… Kukino, cuginetto del nostro Kukone, a cui dedichiamo l’immagine di copertina, classe 2009 (sarebbe il primo della nostra storia), fa già sognare alla nostra torcida una coppia difensiva di Kuki, arcigna e insuperabile…

Ecatombe: 7-8 indisponibili per martedì…

Con questa bella immagine del pub-brindisi dedicato al 46esimo del capitano, andiamo presentando la settimana GVL che ci attende. I Giardini di via Locchi torneranno in campo martedi 20 febbraio ore 22.30 a Bellariva, per la quinta giornata del girone di ritorno del campionato provinciale regular di Calcio a 7, e se la vedranno contro la Garra Charrua, squadra esperta di calcio a 7, un collettivo rapido, affiatato, magari privo di individualità di spicco, ma fisicato e competitivo. All’andata, nell’unico storico precedente, non solo i Giardini persero, ma manco riuscirono a segnare. Purtroppo la squadra arriva a questo appuntamento con un numero record di indisponibili… Sette titolari designati infatti daranno forafit, 8 con Lamioni, alle prese con un doloroso fastidio ad un piede. Mancheranno infatti Ciollao e Laddomada per la concomitanza col match di calcio a 11, Essaouri e Tommy Matera per l’ora tarda del match, Fiacchino e Frulli a causa dei rispettivi infortuni e Antonelli per un impegno familiare improrogabile. Un’ecatombe insomma che rende assai difficile l’organizzazione dell’evento. La società tuttavia sta allestendo un roster di tutto rispetto, anche se con qualche rischiuccio, per cercare di mettere a disposizione di mister Dovellini una rosa competitiva. Il maggior rischio, non ce ne voglia, riguarda il ruolo di portiere, che, dopo i rifiuti di Manetti e Fantini, dovrebbe essere affidato a Marin Calofir. Il ragazzo, fuori dal campo da un po’, si dice molto preparato nel ruolo e sente la mancanza dei Giardini e soprattutto delle birrette post-partita. E noi lo riaccogliamo fiduciosi a braccia aperte, speranzosi che riscatti la brutta prova offerta all’andata, proprio contro la Garra, forse la sua peggior partita in GVL. Con lui ci saranno i confermatissimi Gallo, Sinameta, Valiani e Kuka (che fece molto bene all’andata), ai quali si aggiungeranno i rientranti Matteo Matera e Patron Zatteri (turn over annullato), chiamati al doppio turno settimanale come il buon Julian, oltre a Pieri, che pare aver smaltito i suoi recenti acciacchi. Ciliegina sulla torta sarà la convocazione, molto probabile, anche dello Zatterino Junior, uno che in questo campionato ha dimostrato di saper fare la differenza. Dovrebbe completare la lista dei convocati un puntero là davanti… Problema atavico… Si spera in Bottai, ma ancora nessuna notizia certa… Ne sapremo di più, come sempre, nel corso del fine settimana. Ricordiamo a tutto il nostro popolo anche l’impegno attesissimo della nostra cantera ufficiale, gli allievi regionali del Castello, purtroppo ancora privi di Massy, che dall’Irlanda rientrerà solo lunedi. Stavolta sono attesi sul mare, a Camaiore, per il difficilissimo match contro il Lido. Forza ragazzi!! Sempre nel week-end, ma il giorno prima, il per la cena del sabato, sembra stia prendendo corpo una spedizione di qualche GVL doc in Mugello, per una tortellata come si deve… Vediamo se l’iniziativa decollerà…