Dai “campioni d’Italia”, al match da dentro o fuori coi Dildo’s…

Che grande onore aver affrontato ieri sera, con la nostra gloriosa compagine, la squadra del momento, i campioni d’Italia del Villa Reale. E che grande orgoglio averlo fatto senza sfigurare, per lunghi tratti con la giusta concentrazione, uscendo dal campo tra gli applausi del nutrito pubblico presente a Castello, per l’ultima giornata del prestigioso Trofeo Biancoverde. Il risultato, 12-2, racconta di una vittoria ovviamente larga, anche se meno copiosa di alcune realizzate di recente da questa fortissima avversaria, piena zeppa di campioncini del calcio locale, quasi tutti ancora in attività. Ma il risultato non può raccontare quanto di buono ci hanno messo i nostri, orfani in partenza, oltre che di Frosini e Manetti, anche delle due pedine più importanti della scacchiera giardiniana attuale, due su cui ruotava tutto il progetto ipotizzato per affrontare un torneo del genere: l’infortunato Massy Zatteri e il Chino Pellegrini, partito per la sua vacanza estiva. Chi è sceso in campo però lo ha fatto con la giusta concentrazione, anche se chiedere continuità in tal senso, in un match del genere, era utopia pura. I nostri comunque sono riusciti ad interpretare un simile appuntamento, come andava fatto, come una gara con niente in palio e con l’unico obiettivo di divertirsi senza sfigurare. Davvero impressionante il livello tecnico rivale, ma davvero impronosticabile il modo in cui i nostri giovanissimi classe 2007 e 2006 hanno retto l’urto, non tanto tatticamente, lato su cui ovviamente hanno tantissimo da crescere, quanto sulle capacità atletiche e soprattutto tecniche, che al momento impreziosiscono e confortano la nostra storia attuale (e speriamo futura). Frulli e Essaouri possono vantare un goal ed un assist a testa alla squadra di calcetto più forte che ci sia… E le gesta espresse da Sgarmiglia… Tanta tanta roba … Tanto da farlo avvicinare a fine match, per prendere informazioni, anche da un noto mister di calcio a 11. I nostri vecchiucci forse potevano fare un po’ meglio, dare esempio tattico più equilibrato e adatto alla situazione, invece di scorribandare a volte un po’ senza criterio o cercare glorie personali, passaggi troppo difficili e prevedibili, in gare in cui bisogna fare di necessità virtù e badare al sodo. Errori un po’ grossolani soprattutto dall’onnipresente Sinameta, che ha però dalla sua l’attenuante di una condizione fisica molto precaria a causa dei recenti attacchi (ha oltre 60 gare sul groppone in questa stagione, non dimentichiamocelo). Ancora peggio Antonelli, che, anche contro amici così conclamati dei Giardini, riesce a litigare con l’arbitro fino a farsi espellere… Piú solido Bottai, e decisamente in gran spolvero il nostro anziano Patron, che dall’alto delle sue 46 primavere, mette in difficoltà mister Valians, gioca probabilmente più minuti di tutti e diletta la sua Castello, al cospetto di tali campioni, con ottima difesa del pallone, buone intuizioni, goal sfiorati e persino un fallo da rigore subito, ma non concesso dal cieco arbitro di serata. Una prestazione evergreen che gli vale sinceri complimenti da avversari del calibro di Campolmi (per noi il miglior giocatore del torneo), che tutto si aspettava dal suo compagno di pizzeria, tranne che fosse ancora così competitivo. Parole che hanno fatto davvero piacere al nostro capitano di spedizione. Tralasciamo la descrizione dei loro tanti goal, 5 nel primo tempo, ben 7 nella ripresa, almeno una metà frutto di nostre evidenti buche difensive (gli altri solo da applaudire)… Descriviamo invece le reti dei nostri, di straordinaria valenza anche solo per soddisfazione personale. La prima, di Essaouri, frutto di una gran giocata di Frulli e di un’incredibile girata di testa a scavalcare il portiere del nostro giovane 81. Il pallone entra, il solito non vedente non assegna il goal, ma Essaouri è bravissimo e rapace nel ribadirla in rete lo stesso col piede. Il secondo vede protagonista i soliti due, ma stavolta a parti inverse. Essaouri inventa e Frulli, solo davanti al portiere valorizza con tocco vincente la sua velocissima incursione offensiva. Sarà stato il 2-9, ma i nostri così tanto esultano… consapevoli che siglare su azione elaborata a questa invincibile compagine è impresa per pochi… Archiviato il calcetto, con una deliziosa pinsata di mezzanotte da Bobo (come da foto di copertina), e archiviato speriamo solo per questa stagione (parole confortanti dai nostri giovanissimi ieri sera), concentriamo ora tutto sul comparto a 7, che stasera, subito stasera (tre gare in tre giorni!!), si giocherà il proseguo della stagione nel suo ottavo di finale ad eliminazione diretta con fischio d’inizio ore 20.15 alla Sales. Avversaria di turno sarà il Dildo’s, squadra che non conosciamo, che non conta alcun precedente contro di noi, ma che, risultati recenti alla mano, sembra davvero fortissima. Con mister Dovellini in vacanza a Parigi (lo sostituirà Valiani coadiuvato, se arriva, anche dal presidente Antonelli), e privi degli indisponibili Frulli e Laddomada, i Giardini schiereranno i confermatissimi Tommy Matera, Kuka, Sinameta, Lamioni, Gharbi, Zatteri R. e Ciollao, oltre al rientrante Pieri e agli importantissimi innesti dell’ultim’ora Matteo Matera e Steo Dimita… Proprio in extremis potrebbe esserci anche l’innesto di un undicesimo elemento, Bottai… Staremo a vedere… Intanto un grande in bocca al lupo ragazzi… E come sempre, DIAMO TUTTO FINO ALLA FINE!!