Molte assenze… FORZA GALLO

I Giardini scenderanno in campo per la quarta giornata di campionato, lunedi 27 novembre ore 20:30, contro la vecchia conoscenza “Pumas”, sul sintentico indoor della Floriagafir, in viale Malta a Firenze. Molte le assenze Gvl… Come si intuisce dalla foto, tempi duri per il Gallo Bottai, fresco fresco di operazione al varicocele. A lui va il nostro più grande in bocca al lupo!! Scontata la sua assenza fino al 2018… Mancheranno inoltre i lungodegenti Frosini e Viappiani, oltre a capitan Maschio, in trasferta con gli arbitri di basket e a Sinameta, squalificato dal giudice sportivo per un turno (ed è andata anche bene…). Peccato perché proprio la coppia Maschio-Sinameta vanta ottime prestazioni contro i rivali di turno… E proprio Bottai è il giardiniano che più volte ha violato la loro porta… Ben cinque… Convocati comunque tutti gli altri elementi della rosa titolare. Ci sarà Manetti tra i pali; con lui Zatteri, Dimita, Antonelli, Bandini, Pellegrini e la coppia Sborgi-Lamioni, che storicamente soffrono un po’ questa rivale e sono chiamati a riscattare qualche incertezza esibita contro di loro in passato. I Pumas, attuali primi in classifica del torneo, li conosciamo bene, anche se ultimamente si sono molto rinforzati. Trattasi di un agglomerato multi-etnico molto approssimativo all’apparenza, ma che ha nel bomberCalina un ottimo finalizzatore. Il difensore di colore, tale Leo, è celebre per le entrate toste… Nel complesso hanno tutti molto fiato davvero e vantano un portiere capace di autentiche prodezze (ma pure di qualche regalone…)… Ultimamente calciatori del calibro di “Armata Armieri”, “Zuniga Moises Miranda” e il recentissimo acquisto Tiago Lemes, hanno alzato di molto il livello… Ma restano una squadra che a calcetto gioca poco, corre molto e, come va in svantaggio, la butta subito sul fisico… Sarà gara tosta insomma, ma i Giardini hanno tutte le carte in regola per far bene, nonostante i precedenti ci vedano in lieve svantaggio. Su 6 scontri passati, due sole nostre affermazioni, un pareggio e ben 3 sconfitte. Dando un occhio a ciò che accade fuori dal campo… OGGI, L’EREDE DI CASA MASCHIO, CAMILLA, VA IN DOPPIA CIFRA!! Tutto il popolo Gvl  augura alla piccola UN ENORME “BUON COMPLEANNO” PER LE SUE 10 PRIMAVERE!! Con lei, lo sappiamo, festeggia anche il nostro talent scout per eccellenza, Claudino Niccolini… AUGURONI ANCHE A LUI! Inoltre uno speciale buon compleanno, già rivolto a domani, ad un altro grande tifosissimo dei Giardini, il mitico Cina!! Ricordiamo poi a tutti gli amanti della nostra Cantera, che i Pulcini del Castello 2007, saranno di scena in casa al Pontormo, domenica 26 ore 9:00 del mattino, per la settima di campionato contro il Lanciotto!! Visto il gran momento dei ragazzi, accorrete numerosi, il divertimento è garantito!!

Il punto sul campionato

Come il Castello 2007 qua sopra, gioioso sul campo della capolista S.Lorenzo, che vanta un’ottima zona di classifica, ma non più la vetta, i Giardini abbandonano l’Olimpo del girone, superati di botto, alla prima sconfitta, da ben tre compagini. Trattasi del Vinaio, che batte con un netto 5-1 i Giardini sul campo (doppiette di Marucelli e Parigi, oltre al goal del solito bomber Chierroni); dell’FC Disperati che supera per 6-4 la Rubino (due triplette: l’immortale Pasquale Gentile per l’FCD e Birini per la Rubino); e i soprendenti Pumas di inizio stagione, che contro ogni pronostico battono per 7-5 il Prima, nonostante la tripletta del solito Marrone, secondo miglior bomber del torneo con 6 centri personali. Nei rinforzatissimi Pumas, prossimi avversari dei Giardini, tripletta per il bomber Calina, doppietta per Rafael Goes e goal per il grande nuovo innesto Tiago Lemes, che con il compagno Calina, ma anche con il sopracitato Birini, affolla il gruppo bronzeo dei tanti bomber a 5 reti in classifica marcatori. Dietro le capoliste Pumas, Vinaio e Disperati, ad una sola lunghezza, troviamo i Giardini, il Bar Argentina (unica squadra a punteggio pieno poiché di riposo alla terza) e il DaSciogno, che vince per 5-3 contro l’Autorimessa Cairoli. Anche qui una tripletta per parte, Vagelli per il DaSciogno e Scala per l’Autorimessa, entrambi nel gruppone di bomber a 5 reti in tre giornate… Gruppo che ospita anche il “bomber Campanile” del Loto, che grazie alla sua tripletta e alle doppiette di Piani, bomberMisu e Pirini, si fa beffe del RioGallegos (doppietta di Veramese) e conquista i primi punti in campionato… Queste forse le 7 sorelle del torneo, al momento distribuite tra i 3 e i 7 punti… A un solo punto latita il RioGallegos, addirittura ancora a 0 il quotatissimo Prima, l’Autorimessa Cairoli e una Rubino davvero in crisi… Il capocannoniere, nonostante il turno di riposo del Bar Argentina, continua ad essere il GiganteCarletti, forte di ben 8 goal nei primi due turni.

Magari 20 anni fa…

Magari 20 anni fa simili partite non le perdevamo… Oggi, pensare di giocarsela con avversari così esplosivi, con un simile gap atletico e fisico a loro favore, rasenta davvero l’utopia. Non resta che sperare che, alla lunga, come del resto accaduto lo scorso anno, la seria, numerosa e partecipata rosa giardiniana, possa approfittare di qualche loro inciampo organizzativo… Giusto quello. Scoccia, perché i ragazzi del Vinaio a calcetto proprio non giocano, proprio non sanno cosa sia… Oggi però il calcetto provinciale è questo… Squadre simili, pur prive di una vera identità di gioco futsal, riescono ad imporsi e, come nel loro caso, a giocare (e perdere solo ai rigori) una finale TopLeague, solo basandosi sulla propria irruenza fisico/atletica… Scoccia anche perché questi simpatici proprio non sono… Se la sentono molto e invece di pensare a giocare e a godersi la bella vittoria in corso, non perdono occasione per parlare, piangere, lamentarsi… No, simpatici proprio no. Scoccia avvisarli, dalle pagine di questo sito, che converebbe loro godersi di più il momento, perché chi gioca in questo modo non ha lunga vita… Qualche anno ancora e, non riuscendo a mantenere simili ritmi, o iniziano a giocare davvero a calcetto, o si iscrivono al campionato di bocce. Ma tant’è, al momento, solo tanto di capello, per la loro netta vittoria maturata sul campo. I Giardini ci hanno provato, ma ad ogni pallone perso, tale irruenza fisica avrebbe potuto ogni volta tramutarsi in goal. La prima rete rivale arriva su un imperfetto stop di uno Sborgi un po’ provato dalle notti insonni per i primi dentini della Francesca (altro fattore che i colleghi di 20 anni, ancora non hanno mai assaporato…;-). I Giardini hanno addirittura la palla del pareggio, prima con lo stesso Sborgi, poi con Lamioni, ma il Vinaio è forte persino tra i pali. Quando i Giardini subiscono il 2-0, in seguito ad una clamorosa, quanto rarissima, papera di Manetti, si intuisce che sarà serata di patemi veri. La “saponettata” gratuita del portierone Gvl dà il via ad una fase a dir poco imprecante e i Giardini scompaiono del tutto dalla scena per il resto della frazione, incassando anche il 3-0, da un rapido contropiede rivale… Giusto ammetterlo: a fine primo tempo, il passivo poteva essere pure peggiore. Inizia male anche la ripresa, con un bomber Lamioni più che provato, che non contrasta a dovere sul quarto score rivale. Poi però, l’attesissimo (per mesi) ingresso di Steo Dimita, che intende provare a riassaggiare il campo su concessione (euforica in verità…) di un Patron Zatteri un po’ acciaccato e comunque totalmente fuori contesto a questi ritmi, ravviva e non poco la manovra Gvl. E’ il momento migliore per i nostri, sia per l’estro di Dimita, sia per un minimo di sacrosanto calo tra i rivali, che comunque sono uomini e non macchine. Bravissimo Dimita nel pescare Maschio solo e a porta sguarnita, sul secondo palo… Ma il capitano spreca… In questa fase si ammirano coraggiosi e irriverenti numeri di Dimita, ma anche di Pellegrini, che sale in cattedra, sia in fase di pivot che al centro della difesa, con giocate davvero ammirevoli visto il contesto. Al primo tentativo su punizione il Chino lambisce di un niente il palo del Vinaio… Gli avversari si macchiano poi di atteggiamenti un po’ irrisori, che quasi scherniscono i Giardini… Allusioni, battute, pianti continui con l’arbitro, d’un tratto la situazione degenera… Ne fa le spese Julian Sinameta, espulso per un laccio californiano in stile Ultimed Warrior, che fa fare un bel volo al malcapitato di turno, espulso pure lui per la reazione… Reazione del momento, perché fuori dal campo, nonostante la grande mole, si è fatto molto agnellino di fronte al nostro numero 63. Dalla doppia espulsione si accendono capannelli di rissa un po’ ovunque e la frustrazione dei Giardini purtroppo un po’ li cavalca… Si attende a gloria il triplice fischio, per molti motivi… Ma c’è ancora tempo per incassare la quinta rete su calcio di rigore (entrata assassina da dietro del bomber Lamioni…) e per ammirare l’immancabile goal su punizione del Chino Pellegrini… Almeno una rete l’abbiamo realizzata… cosa che per altro ha dato molta noia ai rivali… Nessun dramma. Testa alta. Il cammino deve proseguire, con impegno e dedizione, come il nostro DNA ci impone, per provare a riscattarci quanto prima. Come si intuisce dalla fotografia qua sopra, a bellezza e simpatia, abbiamo vinto ancora una volta noi;-)

C’è il Vinaio, torna il capitano

Ripartiamo da questa foto… Dalla gioia immensa di quella notte… Da quell’euforia un po’ alcolica, che ci vide intonare cori di giubilo fino a notte fonda, proprio sotto quell’insegna… Perché fu proprio il Vinaio a contenderci il titolo fino a quella sera… Quel Vinaio che non siamo mai riusciti a battere, ma che compì qualche passo falso di troppo in campionato e ci arrivò dietro… Quel Vinaio che lunedi prossimo ci ritroveremo di nuovo di fronte, già alla terza giornata del torneo. Lunedi 20, ore 20:30, presso il nuovo sintetico della Floriagafir in viale Malta (Firenze), i Giardini avranno un’incredibile occasione per batterli e spedirli a meno 5 in classifica… Parrebbe un sogno pensando alla netta superiorità da loro dimostrata negli scontri diretti dello scorso anno, entrambi persi pesantemente dai Giardini, ma nel calcio si sa, le sorprese sono dietro l’angolo e sperarci è di dovere… Anche in virtù del fatto che proprio gli ultimi arrivati noi non siamo. Fortissimi loro, questo si. Basti pensare alla straordinaria TopLeague che hanno disputato dopo quel secondo posto dietro di noi, che tanto li aveva fatti rosicare… Trattasi di un gruppo giovanissimo, ma già molto affiatato, in grado di aggredire ogni pallone annientando ogni idea di gioco avversaria. Non calcetto vero, per carità… Lanci continui, foga innata, corsa inesauribile, zero fatica, questo si. E soprattutto doti tecniche di gran rilievo, su tutti, il famigerato bomber Chierroni, vero cannoniere di razza… Nei Giardini certo cambierà qualcosa. Uscirà momentaneamente di scena Bottai, in procinto di operarsi, ma forse questa, il nr54, la salta anche volentieri, visti i precedenti non proprio felicissimi contro di loro… Mancheranno poi gli infortunati Dimita, Frosini e Viappiani… Ma al momento, oltre al confermatissimo Manetti tra i pali, ci sono ben 8 giardiniani disponibili per il matchone… Staremo a vedere tra una settimana circa se ci sarà ancora tanta abbondanza… Dovrebbero rientrare per l’occasione sia Bandini che capitan Maschio, che potrebbe essere tatticamente davvero preziosissimo in tale disputa. Confermatissimi poi Antonelli e Zatteri, gli unici (con Untaru) ad aver violato la porta del Vinaio durante lo scorso campionato. Disponibili poi bomber Lamioni, Sborgi, Pellegrini e, speriamo, anche Sinameta. Tutti intenzionati di brutto a stravolgere l’andazzo dell’anno passato e a mantenere le distanze in classifica… Al campo l’arduo verdetto. Per il resto la settimana Gvl prevede due incontri della nostra Cantera, i pulcini del Castello 2007… Un’amichevole a Calenzano il sabato mattina e la sesta gara di campionato sul durissimo campo del SanLorenzo a Campi (orario e giorno ancora da decidere). Un ultimo accenno a sabato 18 novembre… Giorno in cui Sibilla, figlia del mitico Argante, compirà 11 anni. Auguroni a lei da parte di tutto il popolo Gvl.

Seconda giornata: il punto sul campionato

Due squadre al comando… Dopo appena due giornate, c’è già selezione in vetta, anche se ovviamente è oltremodo prematuro parlare di fasce o gerarchie, dopo appena 100 minuti di gioco. Però sottolineare con orgoglio che tra le due compagini ci siamo noi, si può eccome. I Giardini di via Locchi vincono lo scontro diretto contro il DaSciogno grazie ad un 3-2 di misura, che vanifica la doppietta di Quatrini. Di pari passo, l’altra capolista, il Bar Argentina, dilaga contro una Rubino piuttosto in crisi, nonostante le doppiette dei suoi uomini di punta LottiGoal e Brini. Per il Bar di Sant’Ambrogio vanno di doppietta Gentiletti e Sabatini, ma soprattutto confeziona un roboante poker il gigante bomber Carletti… Trattasi di secondo poker in due giornate, che ovviamente vale una salda leadership nella classifica marcatori… 8 goal in due turni… Tanta tanta roba… Ma è alle spalle delle prime che si sta affacciando il vero cannoniere Top del torneo… L’Antico Vinaio riabbraccia infatti la sua stella, Chierroni, e pesca la prima vittoria del suo torneo, contro una grandissima del calcio fiorentino, il Prima. Finisce 4-2 con doppietta di Chierroni per i ragazzi di via de’Neri e doppietta di Marrone per un Prima in netta crisi di risultati. Col Vinaio a 4 punti stazionano però anche altre due compagini… Ci sono i blasonati FC Disperati, che superano 5-2 un Loto FC irriconoscibile, in netta crisi… Oltre alla doppietta di Cappellini, da segnalare un nuovo goal di Ricco, che con 4 reti in due gare è il primo inseguitore di Carletti. Ma a 4 troviamo anche i Pumas, che appaiono davvero rinforzati. La sfida tra i bomber Tiago Lemes dei Pumas e Mattioli del RioGallegos, finisce in parità, con una doppietta a testa, ma sul campo trionfano 4-2 i Pumas e restano agganciati alla classifica che conta… Anche Tiago Lemes e Mattioli vantano già quattro centri personali in due turni, come Ricco. Nella seconda metà di classifica, restano a tre punti i DaSciogno, soltanto un punto per il RioGallegos, ancora fermi a 0 Rubino, LotoFC, sorprendentemente il Prima, e l’Autorimessa Cairoli, che in questa settimana riposa.