Operazione sorpasso

I Giardini ancora in gioco, quelli del comparto a 7, alla disperata ricerca di una vittoria per continuare a sognare il proseguimento in Silver League, giocheranno la quarta giornata del girone X mercoledi 17 aprile ore 21.30 all’Olympus Gavinana. Avversaria di turno sarà La Rocca, squadra data fra le favorite alla vigilia, ma che in realtà sta faticando molto e vanta soltanto un punto in più rispetto Giardini. Ecco perché il rientrante mister Dovellini sarà alle prese con una vera e propria “operazione sorpasso”… Incrociamo le dita… Il mister avrà a disposizione il portierone Tommy Matera, i confermatissimi Bottai, Kuka e Sinameta, e i rientranti Valiani e Gallo, con quest’ultimo però debilitato da un problema al ginocchio che potrebbe costringere la società a convocare 11 effettivi data l’importanza del match. Ancora in dubbio, ma siamo ottimisti, le disponibilità dei vari Ciolli, Essaouri, Frulli, Laddomada, Lamioni e Pieri, e pure Antonelli che si dice pronto a cedere il suo posto a chi dovesse finire in turn over, se lo riterrà più utile, data la probabile abbondanza. Scelta davvero lodevole questa del presidente. Turnover già prestabilito invece per il Patron Zatteri. Mancherà, ahinoi, anche il figlio, alle prese, in queste settimane, con le gare più importanti della stagione col suo Castello. Per un quadro più preciso sui convocati bisognerà attendere come sempre il fine settimana, se non addirittura l’inizio della prossima. Quel che è certo è che da adesso in poi il comparto a 7, unico ancora in gara, prenderà il posto pari pari di quello a 5. Giocati già tutti i jolly, non possiamo più sbagliare. A Dovellini verrà data completamente carta bianca, alla mister Valiani maniera, e ai giocatori convocati verrà spiegato che in queste ultime decisive gare il mister sarà mister a tutto tondo, può lasciare anche uno in panchina per tutto il match se non lo vede sul pezzo o non lo ritiene utile alla causa… Tutti saranno avvisati, in modo tale che chi non dovesse condividere eventuali scelte estreme e impermalosirsene, allertato prima, può anche decidere di fare un passo indietro, uscire dai convocati e tornare quando la posta in palio sarà meno pesante e l’atmosfera più leggera. Leggero a prescindere sarà comunque il postpartita da Tito, speriamo godereccio come questa bella tavolata a cui dedichiamo l’immagine di copertina, ritraente l’ultima reunion della “combriccola delle Cene Serie”, che ha avuto luogo all’Aran Island, a base di pecora, pecora e ancora pecora… La settimana Gvl che precede questo attesissimo march regala anche altri picchi di grande interesse. Domani, venerdì 12 aprile ad esempio, è il compleanno del nostro Cadetto… Auguroni Ginoooo! Il giorno dopo, il 13, festeggerà il nostro ex portiere Dondoli. Auguroni anche a lui. Ma il clou è domenica 14, quando la nostra Cantera ufficiale, gli allievi regionali del Castello, saranno di scena a Pistoia per l’attesissimo scontro salvezza col Capostrada Belvedere. Punti pesantissimi in palio per Massy e compagnia… Diamoci dentro ragazzi, ora è tutto nelle nostre mani!!

Un figurone comunque…

Stavolta raccontiamo con piacere di un figurone… Almeno per quanto concerne il primo tempo infatti, l’ultimo atto della TopLeague Easy e della stagione regolare del nostro comparto a 5, viene onorato davvero alla grande. Di fronte, lo ricordiamo, c’è il Milady Gold campione della propria Easy League, imbattuto in questa Top Easy, credevamo ingiocabile, impreziosito dalla presenza di Stefano Vitolo, calciatore vero, con trascorsi d’eccellenza col Signa e addirittura di serie D col Lanciotto, al quale regaliamo la nostra immagine copertina… Eppure i Giardini restano in partita per 25 minuti, chiudendo la prima frazione in vantaggio. Nella ripresa il crollo fisiologico, è vero, ma anche tanta sfortuna, visto che la squadra, giunta con otto effettivi al campo, si ritrova in cinque precisi per ben tre infortuni… Andando con ordine mister Zatteri, che la sera del suo turnover concordato sostituisce l’assente Valiani, deve fare a meno di Mataj e Bandini infortunati, oltre che dell’altro turnista Lamioni. Il Patron schiera inizialmente davanti a Manetti una linea a tre composta da destra verso sinistra da Matera, Pellegrini e Frosini, con capitan Maschio terminale offensivo. Il quintetto iniziale gira davvero a meraviglia e si rende protagonista di un sontuoso calcetto, che sorprende gli avversari. La gran serata dei nostri trova subito buoni frutti quando su calibrato corner di Frosini, Pellegrini la sblocca a favore dei Giardini. Passano pochi minuti però e, sul fronte opposto, proprio Frosini viene inchiodato sul posto dal primo squillo di Vitolo, che nonostante la mole imponente, lo brucia e sigla con un destro violentissimo ed imparabile per Manetti… Ma sono i Giardini a fare la partita, gli avversari continuano a capirci poco. Pellegrini mette Frosini solo davanti al portiere rivale, ma il numero 21 spreca. Poco dopo però, proprio un gran movimento di Frosini propizia l’inserimento letale del Chino e la sua doppietta personale. Girandola di cambi poi per i nostri, con Sborgi che rileva molto bene Frosini, Sinameta, un po’ stanchino, ma bello garoso, al posto di Matera, e Gurzi, che prende il posto di Maschio in avanti, ma non sembra in gran serata. Pellegrini mette anche lui davanti al portiere rivale, ma il numero 76 non impatta col pallone dilapidando il possibile 3-1 facile facile… Gurzi fa anche un movimento anomalo e resta acciaccato per un po’ tutto il resto della gara. Fin qui un’impresa eroica insomma, peccato per i 7 stramaledetti minuti ad inizio ripresa, in cui i Giardini subiscono 4 goal e gettano quanto fatto di buono alle ortiche. Il secondo tempo inizia con un insolito errore del Chino Pellegrini, che perde il proprio uomo e viene graziato da un clamoroso loro bove divorato sotto porta… Ma gli avversari sembrano da subito improvvisamente averne di più. Quando Gurzi decide di non seguire il proprio uomo, arriva il 2-2 facile facile. È un goal che dà gran morale al Milady Gold, e Vitolo sale definitivamente in cattedra forte di esperienza, fisicità e tecnica sopraffine. Frosini perde malamente un pallone a centrocampo, la ripartenza avversaria è letale ed è subito 2-3. Ancora Frosini, poco dopo, sbaglia clamorosamente una scelta favorendo il 2-4 rivale. Siamo appena al settimo minuto appunto quando sempre Frosini (disastroso il suo inizio ripresa dopo un eccellente primo tempo…) viene sverniciato in velocità dal proprio avversario diretto per il 2-5, che chiude con molto anticipo i giochi… Anche perché di lí a poco i Giardini perdono Matera per noie fisiche, proprio nel momento di maggior bisogno di gioventù. Il 2-6 arriva dopo metà ripresa, con un tiro da centrocampo che sorprende malamente un Manetti ormai arreso. Anche Sborgi va ko, per una ricaduta del vecchio infortunio, eppure i nostri, con 6 effettivi disponibili e un Sinameta ormai a benzina esaurita, trovano caparbiamente il punto del 3-6, con una devastante incursione del Chino Pellegrini, aiutato stavolta da una deviazione. Il goal che si mangia Gurzi un minuto dopo, ha davvero dell’incredibile e forse avrebbe addirittura riaperto il match. Invece, dopo l’errore madornale, anche lui alza bandiera bianca per il riacutizzarsi del dolore avvertito nella prima frazione. I nostri finiscono in 5 precisi e solo due legni clamorosi, colpiti dagli avversari nei minuti finali, ci salvano da un passivo che sarebbe stato davvero troppo pesante, dopo il tanto di buono ammirato. La stagione regolare a 5 termina quindi qui… Stiamo partorendo idee per l’estate, ma sono ancora in cantiere… Ne sapremo di più nei prossimi giorni… Ora proviamo a fare durare un po’ di più almeno la stagione regolare a 7…

Stasera ultimo atto Top… E poi?

A poche ore dalla mezza maratona di Firenze, che ha reso orgoglioso il popolo Gvl col tempone del nostro debuttante Patron Zatteri (1h49 e 5.11 a kilometro), a cui dedichiamo la nostra immagine copertina, il comparto “calcetto” torna in campo… Appuntamento stasera per l’epilogo della stagione regolare a 5, ahinoi prima della metà di aprile. Salvo clamorosi risultati che avrebbero del fantascientifico infatti, i Giardini usciranno dalla proibitiva Top League Easy da quarti di un girone da 4. La gara contro il fortissimo Milady Gold comunque, va ovviamente affrontata e cerchiamo di farlo nel migliore dei modi. Non ci sono precedenti contro questa compagine, che in questa stagione ha vinto il proprio campionato Easy League a mani basse ed è la super testa di serie del girone. I Giardini si approcciano all’evento privi dell’indisponibile Mataj e della coppia Zatteri R. – Lamioni, appiedati dal turn-over. Il Patron, data l’assenza di mister Valiani, è stato dirottato al ruolo di mister. Nelle ultime ore si è tirato fuori anche Bandini, alle prese con nuovi acciacchi, che sarà sostituito da Gurzi. Per il resto convocati i titolarissimi Manetti, Maschio, Frosini, Sinameta, Matteo Matera, Pellegrini ed il rientrante Sborgi. La terza gara Top, ultima del girone Z, si disputerà stasera, mercoledì 10 aprile, ore 22.00, alla Florentia. Ciò che verrà dopo il match di stasera ruota attorno ad un gran punto interrogativo… Lo stop alle danze molto precoce? O un torneo estivo di livello, includendo giovani del Castello, a loro campionato finito (ce lo starebbero chiedendo…)? Vediamo… Più difficile pensare di continuare qualcosa solo coi vecchiucci attuali, ormai fisicamente inaffidabili… Comunque… In attesa di veder rotolare il pallone stasera, chiudiamo con questo bel titolone riservato al nostro Massy, nella pagina degli allievi regionali di Calcio Più… Una domenica davvero sportivamente da incorniciare per gli Zatteri e per tutto il popolo dei Giardini👏👏👏

Sinameta fa 200 predicando nel deserto

Ci eravamo immaginati una serata decisamente migliore per onorare la 200esima in Gvl di Julian Hulk Sinameta, e forse avevano anche sottovalutato il team dell’Approdo, per i suoi zero punti in Silver e per i pochissimi punti nella stagione regolare… Evidentemente qualcosa è arrivato dal mercato per loro… Fatto sta che i Giardini non interpretano bene la gara, perdono ed il 2-0 finale va pure stetto ai rivali di turno stando alle loro molteplici occasioni. Cosa è andato storto? Forse l’arrivo tardi al campo di Bottai e quindi niente inno propiziatorio Sarilè… Forse la gestione da fuori orfana di Dovellini, per la quale dobbiamo ringraziare i due mister di serata Valiani e Antonelli, anche se sembrano averci capito poco… Forse l’apporto un po’ mancato dei giovanissimi Frulli, attesissimo al rientro ma mal sfruttato tatticamente e alle prese con ancora grande paura di ricadute, e Massy Zatteri, portato senza alcuna voglia di farlo giocare, dato il momento calcistico TOP che sta vivendo, con tutto ciò che ne consegue… Ma è un po’ tutto a non aver girato stavolta, gli avversari sono stati indubbiamente più bravi ed hanno meritato. Ora, se vogliamo sperare davvero di qualificarci, toccherà cercare l’impresa in match sulla carta più proibitivi. Staremo a vedere e come sempre prenderemo ciò che viene… I Giardini si presentano all’Olympus privi di Essaouri e Gallo, alle prese con problemi dell’ultim’ora, e con Valiani ed il turnista Antonelli rilegati a ruoli gestionali. La coppia di mister inizia con Tommy Matera in porta, il duetto difensivo Kuka-Frulli, il duegentenario Sinameta in mezzo, Pieri e Laddomada sulle fasce e bomber Ciollao terminale offensivo. Inizialmente fuori entrambi gli Zatteri, reduci dalle fatiche di una super domenica di sport (prima storica mezza maratona per il padre e doppietta nel derby col Doccia per il figlio) ed il ritardatario Bottai. Il settebello iniziale però non convince. I Giardini sono molli soprattutto sulle fasce, il pressing non funziona e gli avversari li tritano in una morsa di attacchi rapidi e conclusioni violentissime. La gara non si sblocca solo per questione di millimetri e per un paio di discreti interventi di Matera. La svolta per i nostri arriva al momento dei cambi, non tanto per l’ingresso di un disordinato Bottai davanti, per uno spentissimo Ciolli (decima presenza, oggi lo inseriamo nella chat ufficiale Gvl), quanto per la verve che portano entrambi gli Zatteri. La prima occasione arriva su corner guadagnato da Zatteri padre e da lui calciato molto bene per la testa di Kuka, la cui conclusione si stampa contro la traversa. Poi, ancora Zatteri padre entra in area da destra e tocca indietro al centro per l’accorrente figlio, anticipato di un soffio… È in questa rediviva fase Gvl che dalla panchina si susseguono scelte piuttosto bizzarre… Ci riferiamo alla sostituzione di Frulli, seppur alle prese col timoroso rientro, unico col passo necessario per controllare la velocità dei rivali… Ma, ancora peggio, ad inizio ripresa, quando il difensore juniores dell’Isolotto viene reinserito in fascia, dove, soprattutto al momento, col ginocchio ancora ballerino, non si sente a suo agio. Sarà un caso ma nel secondo tempo la prestazione GVL si fa deludente come ad inizio prima frazione. L’Approdo passa in vantaggio su corner a nostro favore, a seguito di un rilancione in avanti con Sinameta, migliore in campo per i Giardini, lasciato colpevolmente solo contro due, e Tommy Matera dribblato in uscita. Disastro. La reazione dei nostri è timida, in molti non sono in giornata o appaiono molto stanchi, come Massy Zatteri, autore comunque degli unici tentativi a rete per la compagine giardiniana. Quando su calcio di punizione l’Approdo centra il raddoppio (non bene Matera nell’occasione), la frittata è fatta. Il 7+4 viene richiamato in panchina, non vale proprio più la pena rischiare nella settimana di Capostrada-Castello. Nel finale, l’unico sussulto per i nostri è una conclusione velleitaria, anzi, proprio casuale, di Pieri, che però impensierisce un po’ il portiere avversario. Sipario. Prestazione deludente insomma, ma post-partita, quello dedicato a mister 200 Sinameta, di altissima caratura e che merita la nostra immagine copertina… Un bel nuvolo di giardiniani, molti giovanissimi, a godere delle prelibatezze di Tito fino a tarda sera… Presente anche il presidente Shreck…

Un pizzico di GVL alla mezza di Firenze, poi l’Approdo e 200esima Sinameta…

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è IMG-20240404-WA0099-1024x768.jpg

Dopo un paio di ceffoni niente male, i Giardini di via Locchi torneranno in campo martedì 9 aprile alle 20.30 nell’impianto di calcio a 7 dell’Olympus Gavinana. Per il nostro comparto specifico sarà una gara importantissima, perché di fronte si troverà L’Approdo a Firenze, la squadra del noto risto-pub di via Aretina, unica compagine ancora a secco di punti nel nostro girone Silver. Un’occasione davvero da non perdere per centrare quella famosa seconda vittoria, che potrebbe voler dire qualificazione… Purtroppo i Giardini ci arrivano senza Lamioni e Massy Zatteri, due che a centrocampo avrebbero fatto un gran comodo… Presumibilmente quel ruolo delicato sarà affidato a Julian Hulk Sinameta, che, proprio contro l’Approdo, festeggerà le 200 partite con la maglia dei Giardini. Con lui ci saranno sicuramente i confermatissimi Bottai, Essaouri, Laddomada, Kuka e Pieri, oltre ai rientranti bomber Ciollao e Patron Zatteri, che proprio il 9 ha l’anniversario di matrimonio e che la cui presenza potrebbe costargli il divorzio… Ma la serata è di quelle top e lui vorrebbe tanto esserci… Per il ruolo di portiere ancora in dubbio Tommy Matera per il problema fisico recente, Fantini non sembra ripescabile, ecco perché scalda ancora i motori il presidentissimo Antonelli… Sperando, dovesse succedere, che vada meglio della sua ultima disastrosa apparizione… Il decimo convocato sembra oscillare tra Gallo (problema ad un ginocchio) e il possibile rientrante Frulli… Scioglieremo ogni dubbio nel corso del fine-settimana. Non esiste ovviamente alcun precedente contro l’Approdo, data la nostra recentissima storia a 7 e la loro nulla storia a 5, ma la gara è di quelle che pesano veramente molto e invitiamo tutti gli uomini del mister d’occasione Valiani (Dovellini martedì mattina volerà in Repubblica Ceca), a venire con la giusta determinazione… Poi, dopo il match, tutti da Tito, che Sinameta, per il suo enorme traguardo, merita di sbocciare bene e godere delle delizie di quella tavola a noi tanto cara… Ma questa è anche la settimana della mezza maratona di Firenze e i Giardini hanno nel Patron Zatteri un coraggioso delegato partecipante. Dalle pagine di questo sito un grande in bocca al lupo al nostro fondatore e ne avrà davvero bisogno… Sia perché è la sua prima mezza della vita… Sia perché vi arriva purtroppo davvero acciaccato… Era dal fisioterapista GVL Paris anche pochi minuti fa, per cercare di sciogliere una noiosissima contrattura alla coscia… Incrociamo le dita. Chiudiamo con tre auguri speciali… Al nostro Botta, che domani compie 28 anni, al grandissimo Francesco Flachi, che lunedi ne compie 49 e che l’averlo avuto in rosa per i Giardini resta un incredibile vanto, e alla nostra Cantera Ufficiale… Gli allievi regionali del Castello affronteranno infatti, tra le mura amiche del Pontormo, il delicatissimo e sentitissimo derby contro il Doccia, proprio nel momento più delicato dell’anno, alle prese con una difficile lotta salvezza che li vede ancora quintultimi a due punti dal Maliseti attualmente salvo… Chi può vada a fare il tifo per i piccoli grandi bianco-verdi!!