Classe 78 batte classi 2005-2002

I Giardini di via Locchi piuttosto inguardabili scesi in campo nel pallone del Torrini, vengono letteralmente salvati da tre vecchissimi ma espertissimi nostri classe ‘78… Il solito capitan Maschio, un redivivo e decisivo Patron Zatteri e soprattutto un incontenibile Frosini, autore addirittura di una doppietta. E pensare che gli avversari di turno sono dei classe 2002-2005… Potrebbero essere i loro figli. L’FC Sercenze, ancora a zero punti in campionato, riesce addirittura a trascinare i Giardini sul 3-3 fino a ridosso del recupero finale, prima che il goal del decisivo vantaggio GVL, cancellasse di botto una delle più brutte prestazioni degli ultimi anni e permettesse ai nostri di riconquistare la vetta della classifica… La squadra, orfana del Chino Pellegrini e di Manetti, oltre a Matera fermato dal turn over, con Valiani tecnico, come al solito prezioso, ma stavolta non lucidissimo, scende in campo inizialmente con il presidente tra i pali, Sinameta ed i tre ‘78 sopra citati. Nonostante la rapidità dei ragazzini in questione (e persino la qualità tecnica di un paio di loro), i nostri sono in pieno controllo del match e non dilagano solo per le tante occasioni fallite sotto porta, anche per la bravura del loro portiere. La sblocca comunque il Patron, alla sua prima apparizione nel 2023, con un letale tocco mancino a suggellare una pregevole azione da manuale con assist al bacio di Sinameta. Lo stesso patron che, sempre di mancino, nel giro di pochi minuti se ne mangia almeno un altro paio. Anche Frosini sfiora il raddoppio con una potentissima conclusione da fuori. Stavolta dalla panchina non arriva però l’apporto sperato. BomberBruno è irriconoscibile, decisamente fuori forma e le frecce Gallo e Fiacchi vanno subito in difficoltà. Tutti e tre faticano soprattutto nel seguire il proprio avversario diretto, a volte addirittura nell’individuarlo e, quando sono contemporaneamente in campo, la manovra giardiniana ne soffre, di fatto svanisce. Qui stanno anche in parte le responsabilità di chi gestisce i cambi da fuori: per lo stesso bene di chi va in difficoltà, in simili gare, occorre sempre mantenere il giusto mix tra veneranda età con esperienza e freschezza giovanile. La Cenerentola del torneo inizia così ad approfittare dei tanti svarioni difensivi dei nostri e gli avversari, spesso in superiorità numerica, impegnano severamente l’attentissimo Antonelli. Dopo un primo suo vero miracolo, provano a reagire i Giardini con Mataj, bravissimo nel mettere in porta il Fiacchino, che però si divora il famoso bove… Un erroraccio di Sinameta in fase di disimpegno, libera un avversario solissimo davanti ad Antonelli, che compie un miracolo addirittura più prodigioso del precedente. Proprio nel finale di frazione, arriva il 2-0, che sembra indirizzare il match verso una ripresa più tranquilla. Lo realizza Gallo, con un pregevole tocco di tacco sotto misura, e per lui è il primo goal assoluto con la maglia dei Giardini, evento che sarà festeggiato a più riprese e a più boccali nel post-partita. Nella ripresa si decide di far riposare capitan Maschio, sperando in una gara in discesa… Nei cinque minuti scarsi in cui siede in panchina i Giardini riescono a prendere due goal a dir poco incredibili. Il primo frutto di un’incomprensione tra Sinameta e Frosini, mentre sul secondo si assiste ad un vero e proprio disastro tattico, con nessuno che segue nessuno… Davvero triste vedere una squadra esperta come la nostra subire un goal così. Ai Giardini basterebbe davvero poco per uccidere il match, lo dimostra il goal del 3-2 di Frosini, frutto di un rapido ed intelligente triangolo col bomber Bruno, ma è un fuoco di paglia, la squadra non è continua e l’assetto tattico scelto per la ripresa davvero non aiuta. Il 3-3 non tarda ad arrivare. Stavolta ci mette del suo anche Antonelli, con una respinta centrale che favorisce il tocco vincente dell’attaccante avversario. Il presidente, al nuovo pareggio, impazzisce letteralmente ed inizia a sbraitare come spesso gli capita… Situazione che non aiuta. La fine si avvicina e tutto lascia presagire ad un’enorme delusione, ai Giardini che regalano il primo punto in campionato al Sercenze. Davvero clamorosa la palla che capitan Maschio spedisce sul palo (ottimo assist Mataj), a porta completamente sguarnita. Esce un comunque spentissimo Bruno, escono i distratti Fiacchi e Gallo. E’ un po’ tardi forse, ma si torna a puntare tutto sull’esperienza, mai come in questi frangenti essenziale. Chi subentra, Frosini e il Patron, regaleranno di fatto l’ormai insperata vittoria. Siamo a ridosso del recupero quando Zatteri, lanciato in posizione di esterno alto a sinistra, addomestica il pallone, attende l’inserimento di Frosini e lo serve al momento giusto e con la giusta intensità. Il fendente dell’incontenibile si insacca preciso e letale a fil di palo, per il nuovo e definitivo vantaggio GVL. L’arbitro concede un solo minuto di recupero, che i Giardini passano alla bandierina con la palla tra i piedi. Al triplice fischio, una liberazione… Ma quanta sofferenza… L’importante era comunque ritrovare i tre punti, che, grazie alla sconfitta del Real Madrink, sullo stesso campo, due ore dopo, permettono ai Giardini di riconquistare la vetta della classifica ad una giornata dal giro di boa. Il post-partita all’Osteria del Pallone, davvero di categoria, con presente la “creatura”, Zatteri JR, che dopo le fatiche di ben 2 gare nel suo fine settimana biancoverde, una con gli allievi b di merito, l’altra, davvero pregevole, per la prima volta nel campionato Allievi Regionali, merita la birra che i giardiniani lo costringono a ingurgitare…

Tocca al fanalino di coda Sercenze

I Giardini di via Locchi torneranno in campo per la penultima giornata del girone d’andata martedì 24 gennaio, ore 20:30, sul sintetico indoor riscaldato della Sestese. Finalmente un orario consono ad un post-partita godereccio, magari quanto questo shuttle da 3 litri gustato da Sinameta nell’immagine di copertina. Avversaria di turno sarà l’attuale Cenerentola del torneo, l’FC Sercenze, ancora ultima e soprattutto ancora a secco di punti. Guai a sottovalutare l’impegno però, sarebbe veramente l’unico modo per continuare la striscia negativa. Non ci sono precedenti tra loro e la nostra gloriosa compagine, quindi la loro pessima classifica è l’unica notizia reale che abbiamo, oltre al preoccupante fatto che, di gare le hanno perse tutte, è vero, ma spesso con scarto davvero minimo. I Giardini al momento, dovranno rinunciare al Chino Pellegrini, che sarà indisponibile, e a Valiani, mister e non giocatore per l’occasione. Restano forti dubbi anche sulle condizioni di Manetti (distorsione alla caviglia in via di guarigione) e Frosini (febbrone da antibiotico)… Appaiono invece certi i rientri di Patron Zatteri e capitan Maschio, che giocherà la sua gara numero 580 in GVL. Con loro dovrebbero essere confermati i vari Gallo, Sinameta, Mataj, oltre al presidente Antonelli, vediamo in quale veste (portiere… giocatore… allenatore…?). Quanto ai giovanissimi Matera e Fiacchi, rischiano entrambi il turn-over, vedremo in base alle disponibilità. Ogni dubbio sarà ovviamente sciolto entro il weekend, con le convocazioni ufficiali. Weekend che, come al solito, consigliamo di vivere in campo, a tutti gli amanti del calcio giovanile. Gli Allievi B di merito del Castello, nostra cantera ufficiale, saranno di scena sabato 21 alle 15 nel nuovissimo stadio dello SportingArno. Viste le recenti vicissitudini di mercato, sarà una sfida davvero speciale per il quasi ex Zatteri JR… Speriamo l’emozione non lo tradisca. La Sestese, ancora padrona del suo cartellino, sarà invece di scena nel massese, a Capezzano Pianore, ore 16:30. I giovanissimi regionali del Castello seguiti invece dai nostri Zatteri e Matera, giocheranno domenica mattina alle 11.15 alla Sales. Sfida fondamentale per una salvezza ahinoi sempre più difficile. Chiudiamo con un doppio BUON COMPLEANNO. Ricordiamo a tutti infatti che venerdi 20 gennaio la Stea e la sorella del Patron, Urban Simo, soffieranno qualche candelina… A loro va il grande abbraccio del popolo dei Giardini.

Il punto sul campionato: risultati incredibili

Un campionato davvero pazzo questa Easy League di Firenze Nord… Nonostante tre passi falsi a fila, alcuni risultati davvero impronosticabili alla vigilia permettono ai Giardini di restare in solitudine al secondo posto, agganciati alla vetta, a solo un punto di distanza dal Real Madrink capolista, fermato dal turno di riposo. Il punticino che permette ai nostri di continuare a sperare in un campionato da protagonista, come i trofei esposti in questa immagine di copertina meriterebbero, arriva al termine di un sofferto 2-2 contro il San Donato Park Rangers. 3 delle 4 reti portano firme importanti… Quella di DiNardo per il San Donato, e quelle del bomber Bruno Mataj e del Chino Pellegrini per i Giardini, tutti giocatori nella Top Ten dei marcatori del torneo. Deludono molto i Bulls, che falliscono l’aggancio alla vetta perdendo contro il meno quotato Campone United di Santorelli, che segna e raggiunge la terza piazza nella classifica marcatori, proprio appaiando Tonelli dei Bulls, che resta a secco. Tra i Bulls terzi a meno 3 ed il Campone ora quinto, irrompono i Sant’Angelo Roosters, autori di una sensazionale quanto inattesa vittoria per 5-1 sul Ragnaia, lo ricordiamo, unica squadra ad aver battuto in Giardini per ora in questo torneo. A secco il capocannoniere Barresi del Ragnaia, che deve quindi accontentarsi a sua volta della quinta piazza (pure con una gara in più disputata) in condominio con Campone e con i San Donato Park Rangers. C’è poi la bagarre in coda… Prova a staccare il gruppo di fondo, seppur forte di una partita in più disputata, la New Prognosi Riservata, che rifila un incredibile 8-0 all’SS Firenze, grazie soprattutto alla gran forma di un altro bomber in posizione bronzo, Zizzi, autore di una tripletta. Ancor più roboante la goleada messa in scena dal Vodka Juniors penultima, ai danni dell’FC Sercenze, prossima avversaria dei Giardini, ancora ferma a 0 punti. Un 12-0 che sa di crisi nera per il Sercenze, e che consacra nell’Olimpo dei bomber del torneo i due mattatori di serata, Panebianco e Bosso… Quest’ultimo raggiunge a sua volta la terza posizione nella classifica marcatori, appaiato a Tonelli, Santorelli e Zizzi. Nel prossimo turno match sulla carta agevoli per Real, Giardini e Bulls (se ci possono essere match agevoli in un campionato così…), ma spicca anche un avvincente scontro diretto nelle zone alte tra i Rangers e i Roosters.

Crisi di risultati, non di stomaco…

L’impianto indoor della Sestese, seppur bellissimo e riscaldatissimo, non sta portando una gran fortuna ai Giardini, sempre vittoriosi in questo campionato prima di accedervi, poi più… e per ben tre gare. Stavolta il pareggio, contro la comunque discreta compagine del San Donato Park Rangers, è frutto di una prestazione corale piuttosto opaca, di una vistosa mancanza di idee, di gioco, di un continuo affidarsi a doti tecniche individuali, giocate personali, che in serate così non portano a niente. La squadra priva dei veterani over 40, escluso Valiani che non ha avuto gran minutaggio e Antonelli che ha giostrato da portiere dato il doppio infortunio Manetti-Borrani, ha patito proprio nell’organizzazione della manovra e non è stato un bell’esempio per i giovanissimi Matera e Fiacchi, che in tal senso starebbero anche davvero crescendo… A parte una bella punizione del Chino Pellegrini, in avvio, i Giardini subiscono da subito la miglior organizzazione rivale. Dopo la più clamorosa occasione del San Donato, col loro forte avanti che spara incredibilmente alto a tu per tu con Antonelli, il Chino Pellegrini, con un tiro da fuori molto potente, complice una goffa deviazione della difesa rivale, porta in vantaggio i suoi. Lo stesso Chino, spremuto in quanto unico difensore presente e meno in palla rispetto ad altre serate, perde poco dopo un pallone sanguinoso al limite dell’area. Chi gli ruba palla però si fa letteralmente ipnotizzare dal presidente Antonelli, pure su una seconda respinta… Due parate che gridano al prodigio per il migliore in campo di serata. Il pareggio è comunque nell’area ed il terzo portiere dei Giardini non può nulla quando un Gallo, seppur davvero in crescita in questa sua decima ufficiale in GVL, si fa letteralmente uccellare in fascia da un rivale, che può concludere indisturbato davanti al presidente. Nel finale di prima frazione il momentaneo pari viene legittimato da altre due clamorose palle-goal, una a testa. Prima è un bomber Bruno davvero sotto-tono a mangiarsi un goal fatto… Poi è nuovamente Antonelli, ancora solo davanti ad un avversario lanciato a rete, a compiere un terzo miracolo. Nella ripresa i nostri continuano a non brillare, soprattutto un insolitamente spento Matera, che si fa malamente anticipare su corner, per il 2-1 rivale. E’ il peggior momento per i Giardini… Fiacchi si divora il possibile pari, Mataj esce molto deluso della sua prova, in avanti c’è solo un volenteroso Valiani, che si danna, lotta, ma non incide. Ben due volte il San Donato potrebbe addirittura chiuderla, ma in entrambi i casi l’attaccante lanciato a rete opta per il pallonetto davvero improbabile e spara malamente alto. Al 13esimo qualcosa si accende nei nostri, che per 5 minuti a fila, forse anche qualcosa in più, iniziano a pressare, macinare gioco e occasioni. Si assiste a palle-goal sfumate di un niente, anche con un acciaccato ma mai domo Sinameta, fino alla grande azione imbastita dal Fiacchino, che pesca il Bomber Bruno solissimo in mezzo per il 2-2… Gli ultimi minuti sono un vero assedio dei nostri, che non riescono però a segnare, anzi, con fare anarchico e per niente accorto, rischiano continuamente il contropiede rivale ed il goal beffa… Alla fine il 2-2 non accontenta davvero nessuno, ma è sicuramente il risultato più giusto. Sei anime dei nostri, come mostra l’immagine di copertina, pensano bene di far serata alla Wiener Haus, per accantonare la crisi di risultati a favore di un’ottima forma dei sei stomaci… Quelli in crisi, davvero mai… E la serata scorre che è un piacere. Si brinda soprattutto al Gallo, che con 10 presenze entra di diritto nella chat ufficiale GVL. Per il resto si sono visti tre passi falsi dopo il roboante avvio, è vero, ma niente è precluso. I Giardini sono comunque secondi, ora ad un punto dalla prima, con la quale dovranno rigiocare… Il campionato è lunghissimo e possiamo ancora scrivere pagine importanti!!

Stile 18: voltare pagina subito

Voltare pagina è l’imperativo, come sta facendo Massy con questa inedita numero 18 da entrata (anzi rientro) in corsa nella sua Castello, dopo i malumori patiti alla Sestese… Goal di tacco alla finale terzo/quarto del Torneo di Natale della Floria, vinta per 2-1 (80 minuti in campo) e, il giorno dopo, esordio da titolare con gli allievi regionali del guru Mister Donadi (altri 40…)… Anche ai Giardini la Sestese è rimasta un po’ indigesta ieri sera… Tornare in campo prima possibile è il segreto. I nostri giocheranno la nona giornata di campionato, vogliosi di riconquistare la vetta, martedì 17 gennaio ore 21:30 sempre nell’impianto indoor dello Stadio Torrini. Avversaria di turno sarà quel San Donato Park Rangers che ha già battuto i Giardini in questa stagione e più precisamente nel Torneo di Apertura. In quell’unico precedente, per noi nefasto, il San Donato si dimostrò squadra assai esperta, con un bel mix tra gioventù, qualità e tattica, degno delle squadre più navigate ed in grado davvero di impensierire. Un portiere davvero capace ed un tandem offensivo di discreti realizzatori (Giorgi-DiNardo)… Uno dei due, ci scusino non ricordiamo chi, gioca col numero 16 ed è davvero tanta roba… Eppure la loro classifica è piuttosto deficitaria. I Giardini devono approfittare del loro momento non al top (seppur vengono da schiacciante vittoria) e tornare subito a far bottino pieno, che significherebbe riprendersi il comando visto che l’attuale capolista, Real Madrink, osserverà un turno di riposo. Per i Giardini appaiono scontate le conferme di Frosini e Fiacchi, che deve farsi perdonare una prestazione non all’altezza proprio contro il SanDonato ad inizio stagione. Sembrano certi anche i rientri di Valiani e Sinameta, che al contrario del Fiacchino, proprio contro i Rangers, illuminò la scena. Si confida poi nelle disponibilità dei rientranti Gallo e bomberBruno (torcicollo permettendo), appena premiato col Trofeo Uomo Squadra invernale (ottima media voto periodo di 7.3), e del Chino Pellegrini, che ha già segnato al SanDonato in passato. Sarà turn-over per Zatteri e Antonelli (entrambi saranno però in panchina come allenatori), serio rischio turn-over anche per capitan Maschio (toccherà a lui ora, la 660esima in GVL sarà presumibilmente rimandata) e forse anche per il Materino, fossero disponibili tutti i titolari. Fino al fine settimana però, come da tradizione, non verranno ufficializzate le convocazioni, anche perché preoccupano e non poco le condizioni del portiere Manetti, che stasera sarà accompagnato presso lo studio del nostro fisioterapista Enrico Paris, direttamente dal nostro Patron. Intanto è stato pre-allertato il neo-acquisto Borrani. Chiudiamo con auguri davvero speciali… Quello di buon compleanno alla moglie del presidente Martina, che festeggia venerdì 13, e quello di buon campionato ai rinforzatissimi (non solo con Massy) allievi B del Castello, che inizieranno il nuovo girone di merito sabato pomeriggio, il 14, in casa contro il Bagno a Ripoli, mattatore nel proprio girone provinciale autunnale, vinto con 11 vittorie su 11 incontri disputati. Forza ragazzi. La Sestese ancora proprietaria del cartellino del nostro rampollo, ospiterà in contemporanea il Cecina, e i giovanissimi biancoverdi del nostro Patron domenica mattina tra le mura amiche si giocheranno una bella fetta di salvezza contro il Lanciotto.