Giovedí Real Disagio… In notturna…

I Giardini torneranno in campo per la seconda giornata del Torneo Senza Fiato (girone Sestese), giovedì 16 giugno ore 22.30, ovviamente allo stadio Torrini di Sesto Fiorentino, contro il Real Disagio, avversaria del tutto inedita per noi. Nessun precedente infatti contro di loro, nella nostra storia societaria, che copre, lo sappiamo, oltre un quarto di secolo. Si sa solo che hanno perso, anche piuttosto nettamente, la prima gara del torneo contro i Sant’Angelo Roosters, che dividono infatti con i Giardini, l’attuale leadeship nel girone. Per la seconda sfida estiva i Giardini purtroppo dovranno ancora rinunciare all’infortunato Dimita e all’indisponibilie Lamioni, mentre dovrebbe rientrare Valiani. Se tra tutti gli altri titolari non emergeranno altre brutte soprese, l’indiziato numero uno per il turn over, seguendo la prestabilita turnazione, al momento è Frosini. Per Sinameta sarà la gara numero 110 in maglia GVL. Purtroppo non sarà possibile vedere una tavolata imbandita come quella della foto di copertina, proprio all’Osteria del Pallone della Sestese… A causa dell’infame orario in notturna del match… Oggi, 10 giugno, lo ricordiamo a chi non lo rammentasse, è il compleanno di un giardiniano della prima ora, quell’Alessandro Berchicci a cui mandiamo il caloroso abbraccio del nostro popolo. Tre le ricorrenze della settimana che ci attende occorre però anche ricordare a tutti che domani, 11 giugno, i coniugi Pieri festeggeranno i 5 anni di matrimonio… Entrambi sono attesi nella spiaggetta esclusiva del Delfino (Gorette – Marina di Cecina), nell’ombrellone adiacente a quello del nostro Patron. Domenica 12 sarà ancora festa GVL, per i 2 anni del grandissimo personaggio che risponde al nome di Leo Sborgi. Ma non è finita… In questo periodo è una festa continua… Mercoledì 11, alla vigilia del match dei Giardini, finisce 6 anni il figlio del presidente, Enea Antonelli, nello stesso giorno in cui ne finirà 44 il nostro storico portierone Alessandro Manetti. Chiudiamo con uno degli ultimi (in tutti i sensi) cenni alla nostra cantera ufficiale, il Castello 2007… I giovanissimi regionali, appena usciti dal Melarancio ai calci di rigore, mischieranno le loro forze in un torneo misto coi 2006, che inizierà proprio mercoledì 15 a Chiesanuova di Prato… Sarà in assoluto l’ultima fatica stagionale dei nostri, a parte il torneo Tourné a Barcellona, ma quella è un’altra storia, più ludico-turistica che sportiva… Sarà altresì l’ultimo torneo ufficiale dell’erede di casa Patron. Stasera le voci di mercato che lo riguardano da tempo, saranno ufficiali e verranno rese pubbliche nel dettaglio anche ai compagni di squadra… E il nostro Patron darà le dimissioni da dirigente del 2007, dopo tanti divertentissimi anni… Gioia per il ragazzo. Ma anche lacrime.

Un Fabri Fiacchi Show

Finalmente viene tolta anche quella casella zero… Ci riferiamo allo zero inerente le vittorie nella nostra storia contro il famigerato AC Ragnaia. Vero che loro ci danno una mano, venendo privi di entrambi i due gioielli di casa, quel Langone con trascorsi in serie A, e il fortissimo bomber Timpu. Ma sempre partita vera è stata e i Giardini, a loro volta, si presentano al campo privi del bomber Lamioni, oltre che di Dimita, infortunato, nell’insolita veste di dirigente a fianco di Nicola Matera… Insomma, assenze mica da poco pure queste… Valiani è appiedato dal turn-over, mentre in porta l’indisponibilità di Manetti concede una nuova chance a Pieri, che onora il compito senza particolari pecche. Nonostante un innesto dell’ultim’ora tra i rivali, un nuovo attaccante, tecnico, dal tiro potente, i Giardini mettono subito in chiaro di averne di più, e dominano in lungo e largo tutta la prima frazione. Dalle parti di Pieri non si rischia un granché, mentre i nostri sfiorano la rete in modo clamoroso almeno sei volte, colpendo ben tre legni. Delizioso il pallonetto di Matera salvato sulla linea, poi due volte il Chino Pellegrini e ben tre volte il Fiacchino, fanno gridare al goal, salvo poi dover ricredersi a causa di legni o salvataggi clamorosi. Soprattutto il Fiacchino sta una meraviglia. Mai visto girare così… Recupera palloni ovunque, corre con intelligenza, gioca per la squadra… Sarà l’aria di casa alla Sestese, ma recita da assoluto migliore in campo e l’ottimo mister Antonelli in panchina, fa fatica a farlo rifiatare. Non è un caso che sia proprio lui, sul gong di frazione, a portare in vantaggio i Giardini, con un tiro al volo velenosissimo, sulla ribattuta del portiere all’ennesima conclusione da fuori del Chino Pellegrini. Per Fiacchi è il decimo goal in maglia GVL. Nella ripresa i Giardini legittimano subito il vantaggio ed il bel primo tempo disputato, raddoppiando immediatamente con un tiro da fuori di Sinameta, sporcato in modo sfortunato da un difensore rivale. Poi è ancora Fiacchi, con una pregevole azione in contropiede, a trovare il 3-0 che sembra far scivolare in scioltezza il finale di partita, ma così non è. Il Ragnaia si sbilancia, non ci sta e, punto nell’orgoglio, si riversa pericolosamente in avanti per tutta la seconda parte della ripresa. La partita di colpo cambia e le occasioni ora fioccano da ambo le parti. Davvero bello il goal del loro attaccante, che vale il 3-1 e riapre di fatto la disputa. Patron Zatteri pesca Pellegrini in ottima posizione, ma sul missile del giovane Sestese, il portiere rivale si supera. Il 4-1 del Chino arriva lo stesso l’azione successiva, grazie ad una bordata che incoccia traversa, palo e… secondo l’arbitro è goal, secondo gli avversari no… Fatto sta che il 4-1 viene assegnato e peserà come un macigno sull’esito del match… Perché i Giardini di fatto vanno in crisi totale nel finale di gara… Prima Sborgi, ottimo fin qua, si divora il quinto goal calciando incredibilmente fuori a mezzo centimetro dalla riga… Poi uno stanchissimo Sinameta si perde il forte attaccante rivale sul 2-4… L’arbitro assegna 3 minuti di recupero, nei quali la squadra suda freddo e subisce la verve del Ragnaia, terzo goal compreso… Dopo i moccoli di mister Antonelli, i nostri riescono a nascondere un po’ la palla e, seppur a fatica, a portare a casa l’intera posta in palio… Dopo il triplice fischio e un accenno di rissa tra il nostro Patron ed il classico avversario che proprio non sa perdere, i nostri si rilassano, si godono i tre punti e lo fanno con una sontuosa e partecipatissima pizzata a suon di caraffoni di birra, presso l’Osteria del Pallone della Sestese… Un posto che, inizia a girar voce, frequenteremo presto anche per altro… Ma fino a stasera, su questo, manteniamo ancora un certo riserbo…

Senza Fiato: nuovo campo e nuovo giorno…

La mancanza di iscrizioni al Senza Fiato biancoverde ed una rapida votazione interna alla rosa, hanno dirottato i nostri al TORNEO ESTIVO SENZA FIATO SESTESE… Purtroppo il trasferimento alla stadio comunale Torrini, comporterà il cambio di giorno… Si passa dal mercoledì al giovedì. La prima gara, giovedì 9 ore 21:30, prevede subito un avversario mostruoso, con col concetto di “Senza Fiato” stona abbastanza… l’AC Ragnaia… Una squadra che conosciamo bene purtroppo e che ci riporta a tre brucianti sconfitte negli altrettanti tre storici precedenti… E’ la squadra del super goleador mancino Timpu e soprattutto di Langone, due presenze in serie A con l’Empoli nella sua gloriosa carriera… Un faro che illumina un collettivo esperto, ben organizzato, abilissimo nel giro palla e profondo conoscitore del calcetto… Nei Giardini mancheranno sicuramente l’infortunato Dimita e l’indisponibile Lamioni. Tutti presenti pare gli altri titolari compreso quel Frosini, chiamato a riscattare enormi disastri commessi proprio contro il Ragnaia in passato… Ci riserviamo qualche dubbio su Sborgi, autore invece di prove magistrali contro Langone e i suoi, che potrebbe avere qualche problema con gli orari della compagna; e sul portiere. Il ballottaggio Manetti-Pieri sarà serrato fino alla fine pare. Rischio turnover (ma ci crediamo poco), per il solo Valiani. In panchina ci sarà mister Antonelli, qui ritratto nell’area cocktail dell’ultima festa GVL con la meravigliosa Nora, ad organizzare tattiche e turnazioni. Chiudiamo con un super buon compleanno al Trapano Mori, che festeggia precisamente domani, domenica 5; e con un un invito speciale a tutti gli amanti del calcio… Chi volesse partecipare, nel pomeriggio di oggi, ore 17:00 al Pontormo, non la nostra Cantera ufficiale, ma gli Allievi B del Castello, che stanno convocando con regolarità anche il nostro Zatterino, si giocheranno la finale per il terzo posto al torneo Bencini. Potrebbe esserci ancora spazio per il rampollo di casa Patron, che ha onorato tale torneo con reti e giocate pesanti. Andiamo a sostenere i futuri allievi regionali!! Dovesse scendere in campo Massy… In quello stadio… Su quel terreno di gioco… Potrebbe anche esserci un’emozione speciale…

Un solo goal e molte caraffe…

Il test di apertura della fase estiva va molto male in campo e molto bene a tavola, una roba insomma che sta diventando abbastanza un’abitudine… I Giardini tentano di approcciarsi al torneo estivo di Castello, organizzando un’amichevole contro gli storici rivali del Rifredi ‘78… Forse era il caso di scegliere un’avversaria più alla portata di questi tempi, per garantire la sopravvivenza a quel pizzico di entusiasmo ancora presente, dopo una stagione con più bassi che alti nonostante la categoria Easy affrontata. Il Rifredi78 sembra non invecchiare mai… I suoi tre veterani in campo (il quarto, il Muggia, funge egregiamente da mister in panchina), tutti over 44, ancora girano a meraviglia, e chiunque trovino per far numero, entra subito nei loro automatismi che veleggiano a memoria. Difficile per chiunque affrontarli e, non è un caso, a breve inizieranno il loro ennesimo Torneo Biancoverde, quello vero, nel quale collezionano un fiotto di prestigiosi secondi posti. I Giardini, che quel torneo una quindicina di anni fa lo vincevano proprio in verità, oggi probabilmente avranno difficoltà nell’affrontare anche il prescelto torneo estivo “Senza Fiato” di Castello, riservato ai non tesserati Figc, ma è inutile piangersi addosso… Per noi il tempo è passato in modo diverso… Qualcuno dei nostri veterani oggi ha di fatto abbandonato la nave e ne sentiamo terribilmente la mancanza. Chi resta magari dà tutto in campo, ma non durante la settimana, questo sembra evidente. Allenamenti zero, acciacchi, dolori, prestanza atletica ai minimi termini, in campo scendiamo ormai con l’unico scopo di vivere la serata tra amici con i super post-partita che non mancano mai, che magari è pure giusto così, basta esserne consapevoli e non restarci troppo male quando i risultati finali sono schiaccianti sconfitte. Ieri, diciamoci la verità, è una di quelle serate in cui un po’ male ci resti… In una recondita parte del cervello speri ancora di rivivere le gare equilibratissime di qualche anno fa, in sfide sempre sentite e blasonate, ma sembra non esserci più partita e questo un po’ brucia. Se al dato di fatto che ormai tra noi e loro c’è proprio una differenza di categoria, si aggiungono poi un po’ di sfighe episodiche, tipo la crisi allergica mostruosa che ha colpito la nostra giovane speranza Matera, o la serata storta di Pieri tra i pali, comunque salvatore della patria vista l’emergenza in tale ruolo, ecco che la frittata si spiega da sola. I Giardini passano addirittura in vantaggio in avvio, con una punizione a due trasformata in due tempi da Lamioni. Ma è un vantaggio che dura pochissimo. Sul fronte opposto Valiani, protagonista suo malgrado di un miss-match netto, si perde il dirimpettaio Milani sullo strappo ed è subito 1-1. Nella prima frazione la squadra regge bene a livello difensivo per lunghi tratti, ma non propone assolutamente nulla ed il portiere rivale resta di fatto inoperoso. La sterzata a favore del Rifredi arriva nei minuti finali della frazione, con un paio di goal sui quali Pieri poteva far meglio, ma alla lunga, se stai sempre chiuso e non proponi nulla, il tracollo è piuttosto inevitabile. Nella ripresa gli avversari sembrano accusare un po’ di stanchezza ed il possesso diviene dominio giardiniano. Ma è un possesso ancora molto sterile. Loro si chiudono benissimo, corrono il doppio, hanno tanta più voglia di vincere, più idee, più basi. Giocano con i nostri come il gatto fa col topo. Qualche occasione i Giardini se la procurano in questa fase, ma niente di così clamoroso. Quando un poco lucido Sinameta regala un pallone abbastanza inspiegabile alla ripartenza rivale, arriva il punto del 4-1, che chiude di fatto ogni speranza di rimonta. Nel finale di gara, con la squadra ormai sbilanciata e scoraggiata, arriva anche il quinto goal, che chiude i conti sul pesante 5-1 finale. Pur consapevoli (o perlomeno speranzosi) che al Torneo Senza Fiato squadre simili non dovremmo incrociarle, si esce dal campo con quell’amaro in bocca tipico delle serate in cui ti chiedi dove sia finita quella meravigliosa macchina da calcetto che eravamo… Quell’amaro in bocca che solo una tavolata da Bobo può addolcire… E più precisamente 10 caraffe da un litro, due di spritz e 8 di birra ghiacciata… In quei momenti la malinconia lascia il posto alla gioia di vivere e la comitiva riesce sempre e comunque a voltare pagina e guardare avanti…

Aria di estate… Sapori biancoverdi…

Il nostro meraviglioso popolo, qui ritratto alla grigliatona di primavera nel terreno del Patron (62 anime giardiniane presenti… una roba da urlo…), archiviata la non felicissima stagione regolare, si trasferisce a Castello, e, a breve, anche alla Festa Biancoverde, che causa Covid è mancata per due anni, pronto ad affrontare la versione castellana del Torneo Senza Fiato, con tesserati Figc non ammessi, che avrà inizio tra due mercoledì, il 01 giugno. Intanto è stato organizzato un interessantissimo test amichevole contro gli storici rivali del Rifredi 78. Cecchi & Co. affronteranno i nostri mercoledì 25 maggio alle 20:30 proprio nella sede dell’Atletica Castello. Per l’occasione i nostri saranno al gran completo a parte il lungodegente Dimita e Bottai, che si è defilato dalla pota GVL favorendo il rientro di un evergreen Manetti. Talmente tanta abbondanza che sia Valiani che Sborgi sono stati chiamati ad osservare il loro secondo turn-over stagionale. Chiudiamo questa breve introduzione al nostro attesissimo periodo estivo porgendo i nostri migliori auguri di buon compleanno al grande Mister Gianluca Lunardi, tifosissimo GVL, che festeggerà domani, lunedì 23 maggio; e soprattutto con un GRANDISSIMO ABBRACCIO DI CONGRATULAZIONI alla coppia Caci, che ha confidato al nostro popolo, proprio durante la grigliatona della foto di copertina, l’importantissima lieta attesa. APPLAUSI SCROSCIANTI.