Complypatron con goleada

Goleada e prestazione a senso unico per i Giardini, alla seconda uscita nel girone di ritorno contro i malcapitati ragazzi dell’Atletico Barzotto, per un campionato che continua nel segno dell’imbattibilità e di una solida leadership in classifica. Davvero una festa di occasioni e di goal per un popolo composto da giocatori e tifosi, tutti radunati a Castello a margine di una festa vera, quella per i 42 anni del Patron, che ha reso l’ennesima vittoria stagionale giardiniana ancora più seguita e vissuta. Una delle note più liete della serata è senza dubbio il ritorno in campo, e soprattutto in Italia, per il portierone Byku, nella speranza che tutti i suoi recenti problemi siano presto messi alla spalle. Una prestazione davvero importante la sua, anche per quanto visto in campo… Nelle prime battute infatti, le uniche davvero combattute dell’intero match, a seguito di un paio di incertezze difensive di un Frosini un po’ sottotono, sono proprio le manone del portiere albanese a salvare il risultato. Davvero incredibile la parata sfoderata a tu per tu con un attaccante avversario lanciato a rete. I Giardini passano poco dopo, grazie ad un tocco ravvicinato del bomber Lamioni ben appostato sul secondo palo e ottimamente servito da un taglio illuminante di capitan Maschio. Goal numero 920 in carriera per il superbomber, secondo miglior realizzatore attuale del campionato. L’Atletico inizialmente proprio non ci sta e, dopo qualche sparuto e poco convinto tentativo, colpisce addirittura un legno, ma è l’ultimo sussulto di un primo tempo che diviene presto un monologo GVL. Di Bandini l’importante punto del raddoppio, poi via alle danze… Patron Zatteri festeggia il suo personale lieto evento trasformando in goal un ottimo assist di Sinameta. Per il neo42enne è il goal della doppia cifra in campionato. 4-0 e 5-0 arrivano proprio dai piedi dell’ispirato Sinameta di serata, poi Lamioni regala la doppietta a Zatteri, mettendolo a tu per tu col portiere rivale (goal che risulta comunque a dir poco carambolesco…). Nel finale di prima frazione Lamioni ne infila altri due, il primo su azione eccezionale di Bandini, altro grande protagonista del match, il secondo su ottima giocata di Untaru. Di tutt’altra caratura la ripresa, coi Giardini impegnati a gestire il già importante vantaggio, senza dannarsi e senza strafare. I rivali, in una delle loro rare incursioni offensive, colpiscono un secondo clamoroso legno, oltre a sbattere spesso contro la saracinesca issata da Byku… Sull’altro fronte i Giardini se ne mangiano diversi, un paio con Zatteri davvero clamorosi, ma arrotondano a 9-0 il risultato finale, con un goal davvero di pregevole fattura a firma Bandini. Per il prestigiatore è la rete numero 840 in carriera… Numeri altisonanti anche per lui… Bella la prestazione, bello certo il risultato, ma soprattutto bello il post-partita, con ben 30 giardiniani doc, qui ritratti nell’immagine di copertina, intenti ad abbuffarsi e ad alzare i calici per festeggiare l’inesorabile tempo che avanza anche per il nostro Patron… Un evergreen che, tra mille acciacchi, continua ancora (ci prova almeno…) a dir la sua sul prato verde. Tra i 30 alcune presenze commuovono davvero, come il grande Fabietto Liuti, accorso ad un’ora assai tarda per la sua non più tenera età, gli Stei, che mancavano da un po’, il noto rapper Lenny B, i dirigenti del Castello colleghi del Patron e il mitico Dove, lo sponsor Manetti, i Pieri in dolce attesa, il mitico Valians allenatore di questo implacabile 9-0 a fianco dell’ormai imprescindibile dirigente Carla, pietre miliari come Cadetto, Antonelli, ma potremo andare avanti, quella che più spicca nel mucchio è certo la presenza della piccolissima ma favolosa Kristin Sinameta… Applausi scroscianti.

Prossimo turno: match e cin cin per 42esimo del Patron

I Giardini di via Locchi scenderanno in campo per la seconda giornata del girone di ritorno, mercoledì 12 febbraio a Castello, con fischio d’inizio ore 20:30. Avversaria di turno sarà l’Atletico Barzotto, che non naviga in ottime acque di classifica… Nell’unico precedente contro di loro, che risale al girone d’andata del campionato in corso, i Giardini portarono a casa la prima vittoria in questa Easy League fino a questo momento trionfale. Li ricordiamo come una squadra inesperta, certo non trascendentale e con mezzi tecnici piuttosto limitati. Il portiere è enorme, ma palesa diverse lacune… Davanti a lui giostra un energumeno che, almeno in quell’unico precedente, picchiò i nostri come un fabbro… I Giardini dovranno rinunciare a Pellegrini (corso d’allenatore Uefa C a Siena), a Dimita (ginocchio sempre ballerino) e agli indisponibili Sborgi e Byku. Rientrerà però Patron Zatteri, che fu tra i migliori all’andata e che proprio il 12 febbraio toccherà quota 42 primavere… Ecco perché la gara sarà seguita da un ricco apericena al bar del campo, dove accorreranno molti giardiniani doc da ogni dove per brindare alla vecchiaia del fondatore dei Giardini. Ci saranno Gino, il buon vecchio Valians, Fabietto, Mario Cudia, solo per citarne alcuni che hanno già dato conferma… Con il numero 11 rientreranno anche capitan Maschio, Frosini e Sinameta. Confermati poi i vari Bandini, Manetti, Untaru, oltre ovviamente al bomber Lamioni, altro grandissimo protagonista del match d’andata. Nella settimana Gvl che ci attende spicca anche il compleanno di Maurizio… 68 candeline il 7 di febbraio per colui che grazie al suo campo ha reso possibile molte memorabili feste GVL. Chiudiamo col solito cenno dedicato alla nostra Cantera ufficiale, il Castello 2007, che continua a guidare la classifica del proprio campionato proprio come i Giardini, anzi meglio, poiché a punteggio pieno… I biancoverdi affronteranno la quinta giornata sabato alle 11:00 in casa contro l’Avane. In bocca al lupo ragazzi!! Continuate a marciare!!

Il punto sul campionato: Gvl allungano ancora

Brindano il Patron e Steo… I Giardini allungano ancora in vetta… Decisiva per il +5 in classifica (che grazie alla gara in meno potrebbe essere addirittura un +8) la vittoria in goleada sul Kanova C5, con le roboanti doppiette di Untaru e Pellegrini e soprattutto col poker del bomber Lamioni, ora secondo nella classifica marcatori del torneo. Ma per l’allungo in vetta Gvl è decisiva anche la vittoria dell’ASD Oba Oba, nuova seconda della classe, nello scontro diretto contro il Paguro’s Club, che scivola al terzo posto. Nel 3-1 avvincente, spicca la doppietta di Mancini. Terzi, appaiati al Paguro, salgono i Lenti e Macchinosi, vista la vittoria a tavolino ottenuta contro l’Atletico Barzotto, prossima avversaria GVL, che schiera, barando, tale Ghelli, autore di 7 goal più che sospetti, visto che gioca in Figc con la maglia del Cerbaia. Per i Lenti e Macchinosi, che hanno esposto subito ricorso, tripletta per il nuovo capocannoniere del campionato Armentano. Tra le squadre di metà classifica spicca ora al quinto posto il Now FC, forte della vittoria sul Carabè per 5-2. Doppietta per Diminno, mentre segna solo un goal l’ormai ex capocannoniere Rosati, che scivola al secondo posto tra i marcatori appaiato al nostro bomber. Sesto sale il PDM, che a fatica, grazie soprattutto alla doppietta di Focardi, riesce a domare il The Spit, incredibilmente sempre e comunque sconfitto… A seguire il Carabè, l’Atletico Barzotto barone e l’ASD Valiant davvero deludente del periodo, che riesce a perdere contro ogni pronostico contro i Gabbiani Woo Woo di Saliasi, autore di una pregevole manita. Per il Valiant doppiette per Tassoni e Borgatti. Chiudono la classifica i Gabbiani a 11 punti, il Kanova a 4 e TheSpit ancora inesorabilmente a zero.

Fatica iniziale, poi valanga di goal…

Il girone di ritorno GVL inizia con un’incursione del delegato CSEN nello spogliatoio dei nostri per un premuroso avvertimento… Il Kanova C5, che i Giardini non conoscono ancora poiché la gara dell’andata fu rinviata, pare sia una compagine molto “fumina”, per non dire proprio violenta… Segue un invito a mantenere i nervi saldi e via discorrendo… Ebbene, tale premessa probabilmente non porta effetti positivi nelle menti Gvl… La squadra inizia con timore, con fare fin troppo attendista, atteggiamenti che non pagano, anzi… I Giardini consegnano il boccino fin da subito sui piedi dei rivali di turno, che tutto sembrano tranne che scorretti o eccessivamente nevrotici… A prescindere comunque dalla premura, quindi probabilmente ingiustificata, del delegato un po’ chiacchierone, i Giardini impiegano almeno metà prima frazione per entrare mentalmente in campo. Nei primi minuti, quello rivale, è un vero e proprio monologo ed occorre il super Manetti di serata per evitare che il Kanova addirittura dilaghi. Soffre molto Pieri, chiamato ad agire in posizione di play basso, data la velocità degli avversari. Sofferenza che si ripercuote anche in una fase di impostazione frettolosa e poco precisa, fatto che contribuisce a rimandare il decollo della manovra giardiniana. Sul goal del vantaggio rivale proprio Pieri è in leggero ritardo sul proprio uomo, che da due passi trafigge un incolpevole Manetti. L’ingresso di uno spavaldo Bottai, seppur non in formissima, e soprattutto dell’esperto Bandini, si rivelano più che utili per far girare la ruota… Dopo un goal incredibile mangiato proprio da Bottai, i Giardini pescano il pari con una bella giocata individuale del solito bomber Lamioni, tra i protagonisti assoluti del match alla sua 560esima gara in Gvl. Il suo goal e l’ingresso di un Chino Pellegrini davvero in formissima, suonano la carica ai nostri, la squadra inizia a girare a meraviglia e le occasioni non si contano. Palo del Chino, poi è Bandini a procurarsi una grandissima occasione da goal, ma per il 2-1 bisogna attendere la prima mina imparabile da fuori del Chino Pellegrini, che porta in vantaggio i suoi col suo decimo sigillo in campionato. Nel finale di primo tempo ancora un legno per il Chino, poi il bomber Lamioni fa il bello e il cattivo tempo… Prima si divora da due passi il punto del 3-1, poi, con innata intelligenza tattica, calcia una punizione a sorpresa per Untaru, che solo soletto realizza il 3-1, suo 40esimo sigillo in Gvl proprio nel giorno della sua 50esima ufficiale. La gara di fatto finisce qui. Il Patron, esiliato aldilà della rete dalla squalifica, può accendersi finalmente un bel cubano e godersi lo spettacolo di una ripresa con sofferenza zero. Nel secondo tempo acquisiscono fiducia tutti, anche Pieri e Bottai, che non erano andati benissimo nella prima frazione. Il vero show è dato dall’ottima sintonia tra Lamioni e Untaru, che si trovano e dialogano a meraviglia, dando vita ad azioni davvero mirabolanti, come quella del 4-1 a firma bomber. Dopo un altro goal clamoroso fallito da ottima posizione da Bottai, i rivali riprendono un secondo coraggio… Prima colpiscono un palo, poi, complice un’incomprensione tra Untaru e Bottai, accorciano addirittura sul 2-4. Ma è un fuoco di paglia. Ormai il dominio dei Giardini è assoluto e la gran mole di gioco espressa presto si trasforma in una fiumana di goal. Il 5-2, un po’ fortunoso in verità, arriva dai piedi di Bandini. Il sesto lo mette a segno il Chino, poi la coppia Untaru-Lamioni diviene semplicemente immarcabile. Il 7-2 di Untaru è già il goal numero 100 della stagione giardiniana, ma non è ancora finita… Lo stesso Untaru confeziona la tripletta del bomber, già a 20 goal in campionato, che prima della fine diventano 21, ancora grazie ad una grande giocata di Untaru, in assoluto il migliore dei suoi. Finisce quindi 9-2, col bomber secondo nella classifica marcatori del torneo… E dire che era iniziata con grande sofferenza… La marcia trionfale continua e viene incrementato di un altro punto il distacco dalle inseguitrici che, nello scontro diretto, vedono l’ASD Oba Oba surclassare e superare il Paguro’s club. Ultimo cenno sul post-partita… La solita pizza e birra no-limit… Che ci sta sempre super bene…

Conosciamo il Kanova

La prima giornata del girone di ritorno, in programma mercoledì 4 febbraio alle 20:30 a Castello, è gara inedita perché all’andata non si giocò… Avversario di turno sarà il Q4 Kanova C5 infatti, la squadra sconosciuta ai più con la quale i Giardini devono ancora recuperare un ulteriore turno. La mancanza di precedenti storici contro di loro non ci permette di avere molte informazioni sui prossimi rivali, ma la loro classifica, il penultimo posto attuale seppur con due gare in meno, parla piuttosto chiaro. I Giardini dovranno approfittarne ed iniziare alla grande il girone di ritorno. La capolista dovrà però fare a meno dell’esperienza di Antonelli e Zatteri, entrambi appiedati per un turno dal giudice sportivo… Conseguenza della recente rissa contro i “Lenti e Macchinosi”… Mancheranno poi altri due vecchietti del gruppo, ovvero capitan Maschio e Frosini, entrambi indisponibili per il Kanova. Restano al momento in dubbio anche le disponibilità di Steo Dimita e Hasim Byku, con quest’ultimo che sarà probabilmente ancora sostituito da Manetti a difesa della porta GVL. Rientreranno però al 100% il Chino Pellegrini, Sinameta ed il prestigiatore Bandini. Confermatissimi a loro volta Sborgi, Untaru, che giocherà la sua 50esima gara in GVL, ed il bomber Lamioni, le cui presenze toccheranno addirittura quota 560. La società, vista l’emergenza, ha pre-allertato anche il Gallo Bottai, che potrebbe finalmente rientrare nei ranghi. Quanto al resto della settimana GVL, chiudiamo come al solito con un cenno sulla nostra cantera ufficiale, il Castello 2007, reduce dalla roboante vittoria per 9-0 sul SanGiusto. Massy e compagni, in questo fine settimana, e più precisamente sabato 1 febbraio alle 16:30, saranno ospiti alla Padule Arena del Sesto Calcio. Una gara sulla carta non proibitiva, che, se affrontata con la dovuta concentrazione, permetterebbe ai nostri esordienti di rimanere a punteggio pieno in campionato… Incrociamo le dita…