51 Sermanni Alessandro

#
51
Nome
Sermanni Alessandro
Nazionalità
ita Italia
Posizione
Intermedio Offensivo
Stagioni
2013-2014

Alessandro Sermanni, il grande acquisto Gvl del 2013, sarà per la maglia numero 51, sarà per le sue giocate extraterrestri, per tutti diventa da subito l’ “Alieno”… Impiegato presso l’agenzia delle entrate, sposato con Anna e tifosissimo viola, il sestese dai piedi magici entra a far parte della rosa dei Giardini cercando di non far rimpiangere il suo caro amico Bandini nell’anno del suo grave infortunio ai legamenti del ginocchio. Grande intermedio offensivo, si rivela da subito giocatore serio, professionale, instancabile, maestro nel creare e finalizzare azioni da goal e nel collezionare soprannomi… Proprio Francesco Flachi ha coniato il suo secondo soprannome, Emerson, per la somiglianza fisionomica con il forte ex centrocampista giallorosso, mentre per lo spogliatoio è l’ “indispensabile”… Dopo un’entusiasmante stagione da titolare indiscusso, si è un po’ defilato dal progetto Giardini, per dedicarsi di più alla famiglia e alla sua storica squadra di calcetto, il Real Cerveza, pur restando a disposizione del club in caso di necessità.

 

Stagione ’13-’14
BENVENUTO ALIENO!
Acquistato in prestito dal Real Cerveza durante una cena di Ferragosto, Sermanni mette in mostra sin da subito le sue qualità. All’esordio ufficiale contro ls Sex in amichevole segna il primo goal in maglia Gvl nella propria porta, a causa di una deviazione sfortunata, per poi farsi perdonare pochi minuti dopo con una roboante doppietta. Nella pre-season raggiunge il suo top contro l’Atletico Rossini con una prestazione che va ben oltre la splendida doppietta realizzata… I Giardini iniziano a rendersi conto della differenza tra quando è in campo e quando rifiata in panchina e la squadra soffre terribilmente… In campionato gioca un girone d’andata stratosferico! E’ il migliore in assoluto all’esordio nel big match col Sorgane e con reti, assist, pallonetti deliziosi, finte e contro-finte rappresenta l’unico giardiniano già in forma top e finisce purtroppo per predicare nel deserto… Alla seconda giornata al soprannome di “Alieno” si sommano quello di “l’indispensabile…” e del supereroe “Ser-man”… Dopo una gara perfetta è una sua zampata allo scadere a regalare la prima vittoria Gvl nel torneo, contro il forte Marasma. Ogni settimana si parla più delle sue gesta che delle prestazioni dei Giardini… Contro il Cambogia festeggia le 10 presenze in Gvl, ma è nella vittoria contro l’Atletico Rossini che giunge alla consacrazione siglando una tripletta che lo promuove quale primo giardiniano in doppia cifra nel torneo… Ma i goal non sono tutto, quello che colpisce è il suo calcetto totale… Preziosissimo… Quando alla prima di ritorno, ancora contro il Sorgane, Flachi gli dice: “Emerson! Mamma mia che giocatore che sei Emerson!”… ci immaginiamo una certa emozione… Emozione che non limita però la prestazione, tutt’altro… E’ il giardiniano che dialoga meglio con l’ex doriano e, proprio su suo assist, spalle alla porta e col portiere in uscita, segna uno dei più bei goal della storia societaria, per di più decisivo per una delle più belle vittorie di sempre… Un delizioso cucchiaio a girare sul secondo palo, senza degnare di uno sguardo la porta… Applausi a scena aperta. Toccato il cielo con un dito, gioca un girone di ritorno con prestazioni più “normali”, per concludere in bellezza con una cinquina al Vinandro Fiesole, all’ultima giornata, che porta il suo bottino di goal in campionato a quota 29, miglior realizzatore tra i Giardiniani e sesto in assoluto nel torneo. Suo anche il record di gettoni presenza in campionato: 17. In Golden League non è sempre presente, né riesce a lasciare il segno come nel corso del torneo. Di lui si ricorda soprattutto la coraggiosissima frase diretta a Flachi “FRANCE, FAI UN PASSO!!”… La sua totale assenza durante gli impegni estivi giardiniani, dopo una stagione da assoluto protagonista, culmina poi con la decisione di restare a disposizione del club, ma di uscire dal giro dei titolari, scegliendo come sua squadra principale l’originaria Real Cerveza.