12 Nurzad Samy

#
12
Nome
Nurzad Samy
Nazionalità
irn Iran
Posizione
Portiere
Stagioni
1997-1998, 1998-1999

Il persiano Samy, è il primo secondo portiere, o “vice-Manetti”, della storia dei Giardini. Collega studente universitario di Zatteri, Visciola e Luti, tra i pali ha uno stile tutto suo e, seppur con risultati alterni, quando è stato chiamato, ha sempre dimostrato grande impegno nel difficile compito di sostituire Manetti. Personaggio pittoresco, dotato di simpatia e singolarità folgoranti.

 

Stagione ’97-’98
DALLA PERSIA CON FURORE
Chiamato a sostituire Manetti, partito militare, dopo i disperati tenativi di Feroci e Barbetti, gioca due gare tra i pali, ma la sua prima esperienza nei Giardini, si rivela totalmente fallimentare. All’esordio contro gli “SPB”, subisce 14 goal senza muovere un dito… Vederlo in porta sembra uno scherzo. Decisamente meglio contro i Balù Balù, quando, perlomeno, si dimostra abile nelle uscite. Necessita allenamento…
Stagione ’98-’99
EROE PER UNA SERA
Ad inizio stagione, con Manetti ancora sotto le armi, Nurzad torna tra i pali, con risultati certo migliori, grazie soprattutto alla sue coraggiose uscite a terra. Quando a fine stagione, Manetti abbandona polemico la squadra, sarà ancora lui a difendere la porta, nell’eroica vittoria contro l’ “Officina Mani Nere di SanFrediano”, che regala, grazie anche alle sue inaspettate, quanto spettacolari prodezze, il quinto posto in campionato ai Giardini di via Locchi. Torna inguardabile in Coppa Europa e gioca talmente male, tanto che la squadra, pur onorandolo per la sua disponibilità in un momento assai delicato, non lo riterrà idoneo a ricoprire ancora in futuro il ruolo di portiere e lo congederà amichevolmente.