9 Luti Filippo

#
9
Nome
Luti Filippo
Nazionalità
ita Italia
Posizione
Attaccante Pivot
Stagioni
1998-1999, 2007-2008, 2009-2010, 2010-2011, 2011-2012

Luti Filippo, fiorentino DOC di Campo di Marte, laureato in storia ed oggi impiegato per l’università degli studi di Firenze, è stato, dal punto di vista tecnico, il più grande talento dei Giardini di Via Locchi. Nel suo primo campionato, nonostante sia protagonista di un episodio che determinerà una svolta sfavorevole per la squadra, ha fatto vedere in campo doti da vero campione. Dotato di dribbling e potenza sottoporta devastanti, ha risolto molti guai alla squadra. Le sue giocate da applausi rimarranno per sempre nel cuore di tutti. Un lungo infortunio e qualche comportamento anarchico che ha creato problemi nello spogliatoio lo hanno un po’ allontanato dal gruppo, ma a distanza di 9 anni, divenuto padre della bellissima Viola Ludovica, lui, che ricorda ancora con piacere la sua esperienza nei Giardini e la sua serie di record impressionanti, è tornato saltuariamente e volentieri a calcare i prati verdi con la gloriosa numero 9.

Stagione ’98-’99
IL RE DEI BOMBER
11 presenze, 35 goal: le cifre parlano da sole! Mai nessuno ha avuto le medie così impressionanti, di colui che ha forgiato i Giardini dei record del ’98, una squadra che, data la grande forma del suo bomber, si adegua al suo gioco individualistico attuando anche il catenaccio. Fino a quando tutto funziona, i compagni lo sostengono, ma poi il giocattolo si rompe. Un infortunio infastidisce Filippo il quale durante una gara ripercuote ingiustamente i suoi malumori sulla squadra lasciandola in grosse difficoltà. Luti si accorge di aver sbagliato e chiede scusa allo spogliatoio, ma poi non è più lo stesso. Negli ultimi match gira a vuoto e poi, complice i problemi a un piede che non cessano, termina anticipatamente la stagione anche se avrebbe potuto sicuramente stringere i denti in modo e restare più vicino alla squadra. Dal punto di vista tecnico, però, c’è solo da imparare: in ogni gara impressiona la platea con gesta d’autore e, quando a metà campionato è capocannoniere di tutti i campionati di Prima Categoria, strappa articoli sui giornali sportivi provinciali. Da ricordare soprattutto la cinquina rifilata alla Fiorentinagas (tutti goal da campione, da ogni posizione); da dimenticare invece la sceneggiata nel big match, contro il “Viola Calcio a 5”, quando, innervositosi, tira i remi in barca, bofonchiando contro tutto e tutti. Quando contro l’ “Officina Mani Nere”, gioca fermo e svogliato, non merita più la fiducia della squadra e il giocattolo, fino allora perfetto, si rompe…
Stagione ’07-’08
LACRIMUCCE DI COMMOZIONE…
Lacrimucce di commozione per i tifosi dei Giardini, che dopo 9 anni (9!!), in un’autunnale serata di anonimo precampionato alla Floriagafir, possono riabbracciare lo storico bomber dei Giardini dei record 98-99… 9 anni in più, una meravigliosa bambina, tanti, troppi anni lontano dal gruppo e dal calcetto, ma un’amicizia che evidentemente è sopravvissuta nel tempo. Ora bomber Luti va un po’ più a rilento, ovvio, ma è diventato addirittura altruista. Alla fin dell’anno avrà giocato 3 gare con i suoi vecchi compagni, tornando addirittura al goal, nientepopodimeno che in “Golden League”, contro il “Sorgane calco a 5”. Alla festa di fine anno si presenta con la compagna, la simpaticissima Betta, al match misto organizzato dal nuovo presidente Bandini, tanto per far vedere come intende restare nel gruppo ogni qualvolta i Giardini necessitino del suo talento intramontabile. Il suo non è stato, si spera, un semplice passaggio di testimone ai ragazzi, che, per ironia della sorte, proprio dopo averlo riabbracciato seppure per pochi minuti in campo, hanno vinto il loro primo campionato, battendo proprio il record dei suoi Giardini (vittoria per le prime 7 giornate di fila…)…
Stagione ’09-’10
ANCHE PORTIERE !?!
Dopo un altro anno di pausa, riecco lo storico bomber a dar man forte ai Giardini recentemente bi-scudettati. 3 presenze, di cui una addirittura in porta, e 8 goal, giusto per ribadire che saper segnare, non è una cosa che si dimentica col tempo… 4 goal al Derbolina in precampionato, poker anche alla “Orso Bruno” in campionato, tanto che la sua media realizzativa record migliora ulteriormente: 2,75 goal a partita!!! Dopo un solo match è settimo in classifica cannonieri del torneo. Col Tortuga la voglia di goal ci sarebbe stata, ma si immola per i Giardini sacrificandosi nell’insolito ruolo di portiere, data l’emergenza improvvisa, con risultati, anche lì, più che discreti.
Stagione ’10-’11
IL GOAL TREMILA!!
In due sole apparizioni trova il modo di lasciare il segno dal punto di vista storico statistico, come d’abitudine. Ciò avviene nel match di preseason contro il Peyote quando dopo aver segnato di tacco, sigla la doppietta che rappresenta il goal numero 3mila dell’intera storia societaria… Davvero importante per i Giardini che a segnare un goal così pesante storicamente, sia un vero glorioso bomber, colui che ancora detiene la media-goal record del team (2,55 goal a partita). Decisamente più anonimo nella seconda occasione, nella brutta sconfitta in campionato contro l’Ellera.
Stagione ’11-’12
“VECCHIETTO” COI PIEDI BUONI 🙂
Una sola apparizione in pre-campionato col Peyote… La squadra perde e anche l’ex bomber glorioso non va un granché. I piedi sono sempre buoni, ma l’età avanza e il minutaggio diminuisce… Quando disponibile resta comunque una preziosa e più che valida alternativa.