Contro un Atletico di vecchie ruggini…

Neanche il tempo di rifiatare e si torna subito in campo. Martedì 29 settembre ore 21:30 presso l’Olympus Gavinana, andrà in scena la quarta ed ultima gara del Precampionato CSEN 2020. I Giardini saranno opposti ai ragazzi dell’Atletico Sangio, già affrontati e battuti tre volte nel corso della lunga storia giardiniana… Tutte sfide recenti in realtà (Easy League 2018/2019 e torneo Senza Fiato 2020), in quanto loro sono squadra di nuova generazione. Ce li ricordiamo dotati di un paio di ottimi corridori (su tutti Lagisa) e di spiccata cattiveria agonistica, utile ad equilibrare il tasso tecnico medio individuale certo non eccelso. Il portiere è più che discreto, il numero 10 che latita nelle retrovie si fa notare invece per la sua incazzosità… Qualche ruggine coi nostri si trascina non a caso dall’ultimo precedente… Restano comunque un collettivo unito e affiatato in grado certo di ben figurare. I Giardini affronteranno l’ultima di pre-season probabilmente senza Steo Dimita, alle prese con un guaietto al ginocchio. Mancherà anche Byku, ancora dietro ad alcuni problemi personali, quindi in porta verrà riproposto Viappiani. Confermati con lui i vari Maschio, Sborgi, Frosini, Untaru e Sinameta, che ha già violato la porta dell’Atletico ben tre volte. Dovrebbero poi riaffacciarsi al campo anche Zatteri, Pellegrini e Lamioni (a segno tre volte contro il Sangio anche lui), che per l’occasione giocherà la gara numero 570 in Gvl. Rischio turn-over quindi per Bandini e Frosini, decisione comunque da ufficializzare caso mai nel corso del fine settimana imminente. Chiudiamo con un paio di ricorrenze che in casa GVL non mancano mai. Domani sabato 26 è il compleanno di Acciaio Innox, alias Niccolò Innocenti, roccioso difensore della nostra Cantera ufficiale, il Castello 2007, appena uscita dal torneo Scagliotti del Galluzzo. Auguroni al ragazzo. Domenica 27 festeggiano invece l’anniversario di matrimonio Ale e Maria Sole Berchicci. Un caloroso abbraccione anche a loro.

Festa d’alta categoria, gara d’altri tempi…

La settimana che segue una delle più divertenti feste giardiniane di sempre, non poteva che offrire un match di calcetto d’altri tempi, davvero degno di chi tanto ama questo sport… Ma andiamo con ordine… La SteoOktoberFest, è avvenuta in nome del più sfrenato divertimento, come era da aspettarsi… Qualche incidente di percorso c’è stato (su tutti il 118 chiamato per il mister Lunardi… sigh… Ma anche qualche decesso prematuro… Ci riferiamo in particolare a colui che ha dato il nome alla festa, ma anche a Gino, ribattezzato il risorto, passando per Hasim e la sua adorata ruspa…) ma i famosi 120 litri di birra, la Flip Cup a squadre, i tornei di Birra Pong, i costumi bavaresi, hanno reso l’appuntamento vissuto da oltre 30 tra giardiniani e amici dei Giardini, davvero speciale… Tra i reduci della festa, solo Sborgi e Untaru (Maschio non lo contiamo perché è stata presenza fugace…) riescono a scendere in campo per la terza di precampionato… C’è chi, e ci riferiamo al bomber Lamioni solitamente impeccabile, addirittura sbaglia l’orario del match… I Giardini regalano al fortissimo Grassina la sua assenza, quella del Chino Pellegrini, quella di Steo… Ammazza… Mancano poi i veterani Bandini e Zatteri, sembra dura insomma… Invece i Giardini, come al solito si organizzano e arrivano al campo più che competitivi, rispolverando il Gallo Bottai, che sarà grande protagonista, ed il portierone Tommy Viappiani. L’inizio del match è di quelli davvero tosti. La palla ce l’ha sempre il Grassina 1980 e la fa girare divinamente. Una roboante traversa suona l’allarme, poi Frosini la combina… Il suo uomo di competenza gli sfila alle spalle e col tipico schema “secondo palo” purga i Giardini… Il Grassina potrebbe subito raddoppiare, ma è ancora il legno a fermare il loro entusiasmo… Poi dal nulla, il super Bottai di serata, fa partire la gran scoppola che rimette in pista i Giardini… Lui e Untaru garantiscono quella freschezza atletica che i pur forti rivali si sognano, ma occorrerà aspettare molti minuti ancora, prima che la cosa abbia un certo valore… La gara è giovane e loro continuano ad amministrarla alla grande. Su una punizione dal limite tutt’altro che irresistibile, il Grassina pesca il 2-1… Diciamolo, il buon Viappiani si fa praticamente goal da solo… Una paperotta che ci sta visto che siamo appena al suo esordio stagionale… Sul fronte opposto cresce Untaru, che fa tutto bene, per poi sparare incredibilmente addosso al portiere rivale… La gara è bella, viva, Viappiani si fa subito perdonare superandosi su una conclusione ravvicinata, poi però si deve arrendere in occasione del sanguinoso 1-3… Bottai concede troppo libertà al proprio dirimpettaio, che pesca bene un compagno in area, complice la dormita di Sinameta… I Giardini avrebbero l’occasione di accorciare prima della fine della frazione, ma sulla gran conclusione di Untaru il portiere avversario si supera. Nella ripresa i nostri crescono eccome, complici soprattutto le pile inesauribili di quei due giovanotti che gli altri ci invidiano… Il solito illuminato capitano inventa per un pimpante Frosini a centro area. Il numero 21 la cicca, ma arriva Bottai per la doppietta personale che porta i nostri sul 2-3… Che partita per il giovane numero 54… Non si può dir lo stesso del suo coetaneo con la 60. Untaru sbaglia molto e proprio da un suo sciagurato passaggio orizzontale a metà campo parte il contropiede del 2-4, che riconsegna speranza ai rivali… La gara entra nella sua fase più succulenta… Le occasioni si susseguono… Il Grassina potrebbe chiuderla con un super-goal in acrobazia volante, ma Viappiani miracoleggia ancora. Miracolo però anche per il suo collega tra i pali sul fronte opposto, che toglie dall’incrocio una conclusione a botta sicura di Sinameta. Poi traversa per loro (e tre…) e, come spesso accade nel calcio, goal per i Giardini… Lo sigla proprio Sinameta, con un pregevole spunto personale. Si tratta della rete numero 5300 della storia societaria. Il 4-3 stordisce i rivali che intuiscono come i Giardini siano tutt’altro che arresi. Sinameta si divora un bove, subito dopo dalla panchina vorrebbero addirittura sostituirlo per inserire Frosini, visto che l’arbitro assegna un interessante calcio di punizione da zona mancina. Il capitano impone che tiri proprio il numero 63 e il goal che segue davvero mal si racconta… Un esterno destro dalla traiettoria incredibile che sposta di fatto la porta. Uno dei più bei goal di sempre insomma… Finiti i lunghi applausi per Julian, arriva il quarto legno rivale, un incrocio dei pali colpito in pieno da distanza siderale… La Dea Bendata sembra dalla nostra insomma e i Giardini quindi tentano il colpaccio. In pieno recupero le frecce Bottai e Untaru si lanciano in contropiede solissimi, ma il numero 60 scivola e l’azione sfuma. Applausi comunque per un pareggio, il centesimo della nostra storia, contro una delle migliori squadre in provincia, al termine di una prova che ci pone di fronte ad un quesito importante… Siamo davvero definitivamente da Easy League se reggiamo l’urto contro simili compagini…? All’Aviazione segue un post-match con brindisi dedicati al primo anno dell’Arianna Bandini, al compleanno dell’Aurorina Dotta e all’anniversario di matrimonio degli Stei. Una gran giornata GVL insomma…

Steoktoberfest! Ci siamo

La festa più attesa nell’anno più paradossale per i Giardini e per tutto il mondo dello sport (e non solo…)… La SteoktoberFest avrà inizio questo sabato alle ore 11:00 del mattino e si protrarrà fino alla mattina successiva, quando l’ultimo eroe si sarà svegliato e sarà in grado di rimettersi al volante… Una 30ina tra anime giardiniane e amici dei Giardini si sono già prenotati per l’evento, che chiuderà le sue iscrizioni domani, giovedì 17. 120 litri di birra già in ghiaccio attendono i nostri, così come kili di wurstel, musiche bavaresi e giochi di altissima categoria quali il Lampadario, il Birra Pong e la Flip Cup… In molti passeranno per un saluto, chi a pranzo, chi a cena, chi per merenda, poi ci saranno coloro che se la spareranno tutta, 24 ore ad altissimo livello… Non vediamo l’ora… Tornando al campo e al nostro gioco preferito, i superstiti dell’evento di cui sopra saranno chiamati a disputare la terza gara di precampionato giovedì 24 (tempo per recuperare comunque c’è). Sul sintetico indoor del viale Malta, alle 20:30, sarà matchone di gran tradizione contro il Grassina 1980. Sfida tra veterani stavolta insomma… I sei precedenti raccontano un bilancio in perfetta parità: due vittorie per parte e due pareggi. Tale fortissima compagine è esempio di esperienza, affiatamento, gran conoscenza del calcetto, forte di un gioco di squadra, corale, davvero invidiabile. Tradizionalmente vantano ottimi tiratori, ma anche ottimi portieri… Il migliore probabilmente era quello di origini magherbine, davvero insuperabile, ma non sappiamo se sia ancora in rosa. Nelle file dei Giardini dovrebbero rientrare Zatteri, Viappiani, Untaru e Sborgi, mentre permarrà l’indisponibilità di Dimita, a prescindere dal ginocchio malandato… Il 24 è lo Steiversario infatti… Indisponibile anche il Chino Pellegrini, mentre dovrebbero essere confermati i vari Frosini, Sinameta, Maschio e Lamioni, che per l’occasione festeggerà la gara numero 570 con la maglia dei Giardini. Bandini verso il turn-over, ma è prematuro ufficializzarlo adesso. Sarebbe comunque un peccato, visto che è il giardiniano che ha segnato più goal al Grassina, ovvero tre, se si esclude ovviamente Flachi, che nella sua esperienza Gvl gliene rifilò ben 8 in una sola gara… Nei giorni che ci dividono dalla partita occorre ricordare anche altre super-giornate GVL… Venerdì 18 è il compleanno di Capello, grandissimo amico dei Giardini. Il 23 settembre festeggia 11 anni invece la piccola di casa Zatteri, Viola, seguita il giorno successivo, proprio il 24 data del match, sia dall’Arianna Bandini (il suo primo anno, CLAP CLAP CLAP) sia dalla cuginetta Aurora Dotta, che di anni ne finirà 5… AUGURONI A TUTTI LORO!! Ma ora concentrazione massimo sull’evento del fine settimana!! DIAMOCI DENTRO!

Classe ’78 batte classe 2002

Partita strana quella disputata dai Giardini nel nuovissimo impianto dell’Olympus, confinante, il mondo è piccolo, col terreno del Patron tanto caro ai nostri per le numerose feste giardiniane lì svoltesi nella storia… Ci piace ricordarlo nella settimana in cui si terrà la Steoktoberfest… Non pensiamo ad altro da giorni… Strana gara dicevamo, perché i rivali di turno, l’Ignoranteam, sono giovanissimi classe 2002, alcuni neanche maggiorenni, con 20-23 anni in meno dei nostri… Hanno di fatto la metà dei nostri anni, ma chi si aspettava una squadra rapidissima e aitante è rimasto deluso… I piedi sono quelli che sono e questo collettivo di giovincelli di calcio ne mastica assai poco… Si salva il difensore centrale, unico giocatore degno di nota, poi un portiere decente e tanti elementi improvvisati. A cose normali i Giardini, a prescindere dalla differenza di età, una squadra così la battono 10-0… Invece i tanti goal sbagliati, le tante assenze (mancano Dimita, Zatteri, Sborgi, Untaru e un po’ tutti i portieri di ruolo) e l’averla presa forse un po’ troppo sotto gamba, tengono in vita i rivali di turno per un po’ tutta la gara… La paura di non vincere non si è mai percepita, sia chiaro, ma in alcuni momenti del match, qualche strega è apparsa… Lo squillo iniziale Gvl, col palo pieno incocciato subito dal bomber Lamioni, lascerebbe presagire alla passeggiata di salute, ma così non è, e in un primo tempo davvero bruttino, i Giardini faticano più del dovuto nel far girare la palla e nel crearsi delle occasioni, nonostante il nulla totale offerto dai rivali, che mai si affacciano dalle parti di Pieri, confermato in porta. Ci vuole una bomba del Chino Pellegrini, per sbloccare la disputa all’undicesimo minuto. E’ il “la” che dà la sveglia ai nostri, che poco dopo, con l’unica vera grande azione definibile tale di tutto il primo tempo, si portano sul 2-0. Nell’occasione bravissimo Bandini nel pescare con un filtrante Pellegrini, che di prima scarica su Sinameta, autore del diagonale vincente alla sua 80esima gara in Gvl. Tre tocchi e tanti applausi. Ma sul 2-0 Lamioni sottovaluta forse un po’ il bravo difensore centrale, che trova il guizzo per servire la propria punta. Pellegrini per una volta non fa bene il suo dovere e l’attaccante rivale sigla l’1-2 che non ti aspetti… La rete avversaria, arriva proprio nelle battute finali della prima frazione, ma perlomeno serve a dar la sveglia ai nostri, che approntano la ripresa con tutt’altro piglio. Perlomeno inizia a girare la palla e le occasioni da goal si moltiplicano, anche se non sembra essere serata particolarmente fortunata nelle conclusioni. Quasi immediato però il goal del 3-1, che strappa applausi a scena aperta. Divino l’assist del bomber Lamioni, funambolica davvero la conclusione al volo di Bandini, che può festeggiare così in modo egregio la sua 550esima presenza in Gvl. Ancora una volta però i rivali, dati per morti troppo presto, accorciano sul 2-3, sfruttando l’unico vero errore del match di capitan Maschio, che si fa anticipare malamente a centrocampo. Segue il miglior momento del match per i nostri, che proprio non ci stanno e inanellano una serie di occasioni da paura. Ancora un palo clamoroso colpito dal bomber, che poi orchestra con il buon Frosini di serata, quella che forse è l’azione più bella del match, finalizzata da Valiani, con un tocco acrobatico addirittura da terra. I Giardini potrebbero dilagare in questa fase, ma il quinto goal proprio non vuol arrivare ed ecco l’Ignoranteam riportarsi sotto 3-4, sfruttando uno svarione abbastanza clamoroso di Frosini. Inizia così l’unico vero momento di sofferenza del match per i nostri. Un batti e ribatti continuo di occasioni in cui potrebbe davvero succedere di tutto… Sinameta miracoleggia salvando sulla linea a Pieri battuto… Sarebbe stato il pari beffa… Poi traversa che trema ancora per il Chino Pellegrini… Sul fronte opposto ancora terrore, con Pieri chiamato ad un super intervento di piedi, per niente facile. A rimettere i giochi al sicuro ci pensano infine i due migliori in campo dei Giardini, ovvero Lamioni, autore dell’ennesimo superassist e il Chino Pellegrini, che cincischia un po’, ma col destro poi riesce a ribadire in rete per il 5-3 della sicurezza. In pieno recupero, sempre il Chino, coglie anche il quarto legno Gvl del match… Finisce così, con un altro 5-3 e con una tavolata piena di birre ghiacciate e spaghettini sul pesce al “giardino di Bellariva”… L’ennesima serata Gvl top insomma… Ma davvero niente in confronto a quanto dovrà accadere nel week-end più atteso dell’anno… I fusti sono già in ghiaccio…

Riecco Sinameta e Frosini

I Giardini di via Locchi scenderanno in campo per la seconda amichevole di precampionato, martedì 15 settembre presso il nuovo sintetico della Olympus in via di Ripoli a Firenze. Fischio d’inizio ore 21:30 e avversaria uscita dal sorteggio tutta da scoprire. Nessun precedente infatti nella storia dei nostri, che copre ormai un quarto di secolo, contro la compagine Ignoranteam. I Giardini per l’occasione rispolverano sia Frosini che Sinameta, che festeggerà l’80esima gara in GVL. Cifra ancor più tonda per Dimita, che giocherà la sua 150esima con la 34 dei Giardini sulla schiena. Indisponibile Sborgi (immaginiamo per il compleanno della consorte, proprio il 15, AUGURONI) turnover per Zatteri e Bandini, completano quindi la lista dei convocati capitan Maschio, Pellegrini, Lamioni, Untaru e un portiere ancora piuttosto impronosticabile. Toccherebbe a Byku, ma la sua presenza, a causa di impegni lavorativi, è tuttora un rebus. Non sta benissimo Viappiani e Manetti è alle prese con la piccolissima Ilaria… Giornate belle dense insomma per lui… Scaldano i motori per tale ruolo quindi Antonelli e Pieri, che, quando impiegati tra i pali, hanno sempre fatto intendere di poterci stare eccome… Chiudiamo con un piacevolissimo cenno alla nostra Cantera, i giovanissimi del Settore Giovanile del Castello, che seguiamo speranzosi sin dai primi calci. E’ un piacere tornare a scrivere anche di loro. Dopo l’eccezionale esordio al torneo Scagliotti (in goal anche il nostro Zatteri junior, riscopertosi centrocampista… 100esimo sigillo tondo tondo con la maglia del Castello da quando è tesserato Figc…) i biancoverdi del neo-mister Abbrevi saranno di scena domattina per un’amichevole casalinga contro l’Audace Legnaia, speranzosi di confermare l’entusiasmo del momento…